Francesco De Gregori, "Titanic" ha 39 anni. La storia di "Titanic", la canzone

Canzone per canzone, rileggiamo l'album del 1982
Francesco De Gregori, "Titanic" ha 39 anni. La storia di "Titanic", la canzone

Il 28 aprile 1912 gli strilloni del "New York Times" gridano a gran voce: "Thrilling tale by Titanic's surviving wireless man", la drammatica testimonianza di un sopravvissuto al più famoso naufragio della storia, accaduto due settimane prima al largo di Terranova con millecinquecento morti.

Da quel primo articolo, sul Titanic si è accumulato un patrimonio di testimonianze, documentari, film, racconti ma è al libro "Der Untergang der Titanic" ("La fine del Titanic", 1978) del tedesco Hans Magnus Enzesberger che De Gregori si ispira, nel tono brillante, quasi ironico (reso da un raggiante cha cha cha che contrasta e rende ancora più atroce la tragedia imminente) dove il viaggio dell'apocalisse diventa l'allegoria della vita stessa, con i protagonisti collocati nelle rispettive caste - dalla caldaia alla cabina di lusso - destinati tutti alla stessa misera fine: “La prima classe costa mille lire, la seconda cento, la terza dolore e spavento e puzza di sudore dal boccaporto e odore di mare morto”.

Risuonano le parole di De André dove la morte azzera qualsiasi condizione sociale e assume connotati evangelici: “Prelati, notabili e conti sull'uscio piangeste ben forte, chi bene condusse sua vita male sopporterà sua morte. Straccioni che senza vergogna portaste il cilicio o la gogna partirvene non fu fatica perché la morte vi fu amica”. In "Titanic" resta tutto sospeso, noi sappiamo come va a finire ma i protagonisti si godono la loro crociera, tra lusso e capricci (“Ci sta mia figlia che ha quindici anni ed a Parigi ha comprato un cappello”), tra sudore e riscatto: “Ci sembra quasi che il ghiaccio che abbiamo nel cuore piano piano si vada a squagliare in mezzo al fumo di questo vapore, di questa vacanza in alto mare”. Le speranze sono ben ripartite tra “noi ragazze di prima classe che per sposarci si va in America” e “noi ragazzi di terza classe che per non morire si va in America”. E la stessa luna gigante, a cui dedicare un brindisi, diventa “metallo”.

Il brano è memorabile per quella cantabilità resa angosciante dalla morte che sta per invadere tutto, rappresentata dall'acqua “di questo Atlantico cattivo”, unica passeggera autorizzata a entrare ovunque e senza prenotazione.

Sulla scia del Titanic c'è il chitarrista Marco Manusso. "C'era una vecchia melodia che mi ronzava in testa e ho detto a Marco: tiriamoci fuori un riff". Manusso conferma con orgoglio: «Sento 'Titanic' come un disco che mi appartiene». Fin troppo, visto che De Gregori, pur mantenendo stima e rispetto, ingaggia al suo posto Vincenzo Mancuso "affascinato dal suo modo di inventare con la chitarra, con un'estrema semplicità che nasconde una grande tecnica, un grande animo di musicista. Manusso? Era estremamente preciso, forse troppo, ricordo che spendevamo un mucchio di tempo durante la lavorazione di 'Titanic' perché lui magari non era soddisfatto dell'accordatura della sua chitarra e io dopo un po' gli dicevo: Suoniamo, mi scappa di suonare". Nel live "Musica leggera" Manusso tornerà per un cameo in "Natale". .


Questo testo è tratto da "Tutto De Gregori" di Federico Pistone, pubblicato da Arcana, per gentile concessione dell'autore e dell'editore. (C) 2020 Lit edizioni s.a.s. 

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/7mQBVA3fjW4i2b61yi1x8dwRDkw=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/tutto-de-gregori.jpg
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.