Frances McDormand, i Led Zeppelin, ‘Stairway to heaven’ e quella scena (tagliata) di ‘Almost Famous’

La fresca vincitrice del premio Oscar come migliore attrice protagonista per ‘Nomadland’ vent’anni fa si cimentò in una delle scene più rock della storia del cinema recente. Che, però, non raggiunse mai gli schermi, perché…
Frances McDormand, i Led Zeppelin, ‘Stairway to heaven’ e quella scena (tagliata) di ‘Almost Famous’

Frances McDormand, che vincendo agli scorsi Academy Awards il terzo premio Oscar della sua carriera si è riconfermata una delle attrici più talentuose sul panorama americano e internazionale, nel 2000 interpretò un ruolo molto importante in “Almost Famous”, il film diretto da Cameron Crowe incentrato sulle vicende di un giovanissimo appassionato di rock che, contro il volere di sua madre - interpretata appunto dalla McDormand - segue in veste di cronista per conto del magazine Rolling Stone il tour di una band in ascesa, gli Stillwater.

Per il protagonista, William (intepretato da Patrick Fugit), è il coronamento di un sogno, ma c’è il problema delle riserve della madre, talmente chiusa nei confronti della cultura rock da aver fatto “scappare di casa” la figlia maggiore, Anita, trasferitasi a San Francisco per diventare assistente di volo.

In quella che sarebbe stata una delle scene più importanti del film William, una delle sue insegnanti e il fidanzato di sua sorella cercano di convincere la madre ad “accettare il rock”, dimostrando come il genere e i suoi esponenti non siano solo dediti a eccessi e promiscuità. Nel farlo il protagonista fa ascoltare alla genitrice la versione integrale di uno dei brani più iconici non solo del repertorio dei Led Zeppelin (band alla quale l’immagine e la storia degli Stillwater è parzialmente ispirata) ma dell’intera storia del rock.

“Questa canzone ti cambierà la vita”, spiega il protagonista alla madre, osservando come il brano - oltre ai riferimenti “colti” ai lavori di JRR Tolkien, sia scritto da “infaticabili intellettuali” nel “tentativo mistico di elevare l’umanità”. “Ha lo scopo di elevare l'umanità? Sicuro”, risponde indomita la McDormand: “Eleviamo l'umanità, dopo che ti abbiamo venduto droga e sesso”.

La scena, così come visibile nel frame video qui sopra, è stata tagliata dalla versione finale del film e inserita solo successivamente nei contenuti speciali del DVD, ma senza audio. La ragione? I Led Zeppelin, che pure autorizzarono l’inserimento dei loro brani "Bron-Yr-Aur", "That's the Way", "Tangerine", "Misty Mountain Hop" e "The Rain Song", negarono a Cameron Crowe il permesso di utilizzare il loro brano più celebre e - purtroppo - inflazionato. “Se non c’è ‘Stairway to Heaven’ è perché la band non volle che fosse coinvolta”, spiegò successivamente Crowe a Vanity Fair: “Mi dissero di sentire che quella canzone fosse ascesa a un’altra dimensione, vivendo in un proprio mondo”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.