La 'bellezza' tutta napoletana delle canzoni di Joe Barbieri

Il musicista partenopeo ha pubblicato il nuovo album, “Tratto da una storia vera".
La 'bellezza' tutta napoletana delle canzoni di Joe Barbieri

Anticipato dalla uscita del singolo "Promemoria" è stato pubblicato, in digitale e in formato fisico, “Tratto da una storia vera" il nuovo album, il sesto della discografia di Joe Barbieri, che giunge quattro anni dopo "Origami", con l'intermezzo, nel 2019, di "Dear Billie", disco tributo dedicato alla leggenda del jazz e del blues Billie Holiday.

Ha dichiarato il 47enne cantautore napoletano della creazione di “Tratto da una storia vera": "La verità è uno scrigno che difficilmente si fa scardinare, nei momenti in cui mi pare di comprenderne una parte essa muta, propone di sé un'altra chiave, tanto da percepire di perderne un tassello altrove.

Tuttavia, è a questa ricerca che continuo a sentire di essere in qualche modo devoto, specialmente nel mio percorso di Artista tanto che, in quasi trent’anni di strada, per scrivere la mia musica ho praticamente sempre attinto principalmente alle mie esperienze personali, o alle storie che ho incontrato. E sento il bisogno di continuare a farlo, se possibile con ancor più ostinazione e maggior intransigenza per questo nuovo appuntamento, in cui la vita stessa mi pare mi chieda di offrire senza remore tutto quel che posso dare".

Al fianco di Barbieri nella sua nuova raccolta di canzoni – undici in tutto, dieci delle quali scritte dallo stesso Joe più la cover di un brano del suo mentore Pino Daniele - una nutrita e qualificata schiera di musicisti: Carmen Consoli (""In buone mani" era un brano scritto in una tonalità maschile eppure Carmen, brava, diligente e professionale mi ha consegnato una registrazione meravigliosa. Il risultato finale si è rivelato superiore a quanto speravo"), Sergio Cammariere, Tosca (Barbieri le ha prodotto il suo ultimo album "Morabeza"), il musicista brasiliano Jaques Morelenbaum ("Un desiderio, un regalo che desideravo potermi fare prima o poi. Jaques è un'icona della musica totale, è uno degli artisti che amo ascoltare. "Niente di Grave" ha una parte orchestrale che mi pareva si potesse ben legare con il violoncello, così si è creata questa collaborazione"), Fabrizio Bosso, Mauro Ottolini, Alberto Marsico, Luca Bulgarelli, il quartetto Davabugi. Questi sono i featuring, va poi aggiunta una lunga lista di altri musicisti che lo hanno coadiuvato e hanno prestato il loro talento nella realizzazione del disco.

Nella conferenza stampa di presentazione di “Tratto da una storia vera" ("Il titolo è legato al fatto che è un disco autobiografico, come tutti i miei dischi del resto"), Joe Barbieri, sottolineando lo strettissimo legame con la sua esperienza in prima persona ha esplicitato l'influenza della città di Napoli sulle canzoni ("Per un napoletano Napoli è nel dna") e ha rivelato che, forse, il brano del disco a cui è più legato, nato nella zona Flegrea, è, paradossalmente, "Mentre ridi", l'unico strumentale presente, ultima proposta della tracklist: "La considero un ponte tra quello che sto facendo e quello che vorrei fare in futuro, centellinare l'uso della parola, magari non usarla affatto, mi piacerebbe provare a scrivere per il cinema", ha detto.

Se "Mentre ridi" è la preferita, il disco ha preso le mosse da "Tu, io e domani", ispirata dalle riflessioni alimentate dalla rivoluzione portata nelle nostre vite dalla pandemia. "E' stata la scintilla che mi ha fatto rivelato il desiderio, la sete di arte che in qualche modo in questi tempi è amplificata." e ha continuato, "Questo disco pesca dal mio vissuto ma non è soltanto questo, sto ancora cercando di capire da dove arriva questo disco ho la percezione che si tratta di un disco per quanto mi riguarda totale: ci sono il passato, il futuro, il presente, le persone che ho incontrato, le passioni. La pandemia ha fatto sì che tutto venisse a galla.".

"Tu, io e domani", che vede coinvolti anche Fabrizio Bosso, Luca Bulgarelli, Sergio Cammariere e Tosca, venne pubblicata giusto un anno fa, nell'aprile 2020, in pieno lockdown per raccogliere fondi: "Ho scritto questa canzone all'inizio della pandemia come gesto di clamoroso stupore per una condizione di reclusione forzata, un gesto per guardare al dopodomani, ma quasi subito mi sono reso conto che non bastava. L'idea più semplice è stata trasformare una canzone scritta per chitarra e voce in un'altra cosa, ho chiesto ad alcuni amici di aiutarmi e abbiamo dato i proventi alla protezione civile, 40.000 euro."

Con molta delicatezza ha parlato della rivisitazione di "Lazzari felici", canzone di Pino Daniele inclusa nell'album "Musicante" pubblicato dal musicista partenopeo, oggi scomparso, nel 1984.

Barbieri ha raccontato che non esiste un motivo preciso per cui ho inserito questo brano nell'album: "La scelta è stata casuale, anche se credo che il caso non esista. Un giorno ero in casa a suonare questa canzone e senza accorgermene sono passato dal suonarla al darle un vestito, è stata una scelta istintiva". "Vedi Napoli e poi canta", ha detto, quasi scusandosi, "E' una mia debolezza", è dedicata alla squadra di calcio del Napoli di cui è tifoso. L'incipit di "Manifesto" ('Bellezza strada maestra tu mi governi e mi seduci') racchiude la filosofia e stella polare della vita di Joe, è un pensiero totalmente reale ("Per me seguire la bellezza è quasi un ossessione, è veramente così").

Tracklist:

La giusta distanza (con Fabrizio Bosso)

Promemoria (con Mauro Ottolini)

Previsioni del tempo

Niente di grave (con Jaques Morelenbaum)

Lazzari felici

Vedi Napoli e poi canta (con Alberto Marsico)

In buone mani (con Carmen Consoli)

Alla fine

Tu, io e domani (con Fabrizio Bosso, Luca Bulgarelli, Sergio Cammariere, Tosca)

Manifesto (con Quartetto Davabugi)

Mentre ridi

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/0B6tflrWIttDoz55k7y011awQnk=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/cover-album.jpeg
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.