Gilby Clarke rivela il motivo per cui suonò con i Guns N'Roses alla Hall of Fame

L'ex chitarrista della band di Axl e Slash si esibì nonostante non fosse stato incluso come parte del gruppo nella 'casa' del rock'n'roll
Gilby Clarke rivela il motivo per cui suonò con i Guns N'Roses alla Hall of Fame

L'ex chitarrista dei Guns N 'Roses Gilby Clarke ha detto che "l'unico motivo" per cui si è esibito con i suoi ex compagni di band alla cerimonia del loro ingresso nella Rock And Roll Hall Of Fame è stato perché gliel'aveva chiesto il bassista Duff McKagan.

Clarke entrò nei Guns N 'Roses nel novembre 1991, in sostituzione di Izzy Stradlin, che aveva abbandonato il gruppo durante un tour.

Clarke, insieme a Slash, McKagan, Steven Adler e Matt Sorum, suonò tre canzoni tratte dall'album "Appetite For Destruction" con Myles Kennedy alla voce, alla cerimonia di introduzione della Rock And Roll Hall Of Fame nell'aprile 2012 a Cleveland, (Ohio). Anche se Gilby non venne inserito nella Hall of Fame come membro della band. Kennedy, che è il cantante della band solista di Slash e degli Alter Bridge, cantò "Mr. Brownstone", "Sweet Child O 'Mine" e "Paradise City".

Clarke ha ricordato l'episodio ospite di 'Hangin' & Bangin': Artists On Lockdown', programma online condotto da Ron Onesti.

Gilby ha detto, così come riportato da Blabbermouth: "Beh, ad essere onesti, non seguo quella roba, quindi non sapevo nemmeno che i Guns N'Roses fossero stati nominati. (.) Poi ho ricevuto una chiamata da Matt, e Matt mi ha informato della cosa. Io gli risposi, 'È piuttosto strano'. Perché io non sono stato inserito come parte della band, Matt e Dizzy [Reed, il tastierista] sì, insieme ai cinque membri originali. Pensai che fosse un po' strano. Ma quando lo scoprii, era andata. Non pensavo che qualcuno avrebbe suonato. Due giorni prima dello spettacolo, Duff mi chiama e dice: 'Ehi, suoneremo'. E io, 'Bene, buon divertimento'. Poi dico, 'Chi suonerà?' Pensavo che Axl e Izzy non ci sarebbero andati. Lui mi disse, 'Beh, loro no, ma vogliamo fare qualcosa'. Lui allora dice, 'Ci vieni?' Quindi, io e mia moglie siamo volati là e abbiamo fatto lo spettacolo. Per farlo abbiamo letteralmente provato fino alle tre del mattino la sera prima. Può sembrare strano, ma Duff aveva un concerto con la sua band a Cleveland quella sera e così abbiamo provato dopo il suo concerto alle tre del mattino. Ho suonato con Steven, Slash e Duff, e Myles Kennedy ha cantato".

Gilby Clarke si è rassegnato al fatto che non fosse introdotto nella Hall of Fame come parte della band. "Non pensavo fosse così strano, perché i Red Hot Chili Peppers furono inclusi e fecero la stessa cosa. Dave Navarro, che aveva suonato su due dischi da milioni di copie, non è stato introdotto con i Chili Peppers, ma un chitarrista che suonò nel primo album sì. Quindi, quando ho iniziato a sentire della cosa, mi sono detto, 'Veniamo pagati per questo? No. Chi se ne frega?' Che ti interessi o meno, non so davvero se influisce su qualcosa. Io dico sempre che è solo una riga in più nella tua biografia a cui nessuno presta comunque attenzione".

Ron Onesti ha elogiato Clarke per essersi esibito alla Hall of Fame anche se non era stato introdotto, Gilby allora ha risposto: "Ad essere onesti, l'unico motivo per cui l'ho fatto è stato perché Duff me lo ha chiesto. Duff è mio amico, Slash è mio amico. E l'ho fatto chiaramente per questo. Onestamente non ho nemmeno pensato alle altre cose. Non avevamo roadie, né tecnici, niente. Non sto scherzando. Perché non era previsto. Abbiamo deciso di farlo, come ho detto, solo un giorno prima. Letteralmente sono andato a collegarmi a un amplificatore che non avevo mai visto prima."

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.