Toyah e Robert Fripp, eccoli in "Breaking the law" dei Judas Priest

Per il loro appuntamento del "Sunday Lunch"
Toyah e Robert Fripp, eccoli in "Breaking the law" dei Judas Priest

Come ogni domenica, la simpatica coppia formata da Toyah Wilcox e Robert Fripp ha scelto una canzone da reinterpretare "da casa" per la sua serie su YouTube "Sunday lunch". Il brano di questa domenica è "Breaking the law" dei Judas Priest, tratta dall'album "British steel" del 1980.


Anche oggi Toyah e Robert - come già la scorsa domenica per "The number of the beast" - hanno un ospite, il misterioso e mascherato Sydney Jack; ma stavolta la sorpresa è che il solitamente silenzioso Fripp si lancia anche nel canto del ritornello. La sua signora è vestita da poliziotta, con cappello, distintivo e manganello.

Ecco il video.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.