Lorenzo Suraci: ‘Con la radiovisione abbiamo aperto la radio ai device moderni’

Il presidente di RTL 102.5 ripercorre le tappe che hanno portato il nuovo format a diventare un aspetto imprescindibile del gruppo: ‘Non è una cosa che si può improvvisare o comprare: noi ci lavoriamo da vent’anni, e possiamo dire che…’
Lorenzo Suraci: ‘Con la radiovisione abbiamo aperto la radio ai device moderni’

Se c’è una cosa che al presidente del gruppo RTL 102.5 Lorenzo Suraci preme è che non si faccia confusione: radiovisione non è sinonimo di simulcast. La precisazione è doverosa, perché i recenti dati Censis circa l’esplosione del format hanno sì acceso i riflettori su una realtà fino a oggi appannaggio dei soli addetti ai lavori, tenendola a battesimo presso il pubblico generalista, ma dall’altro hanno portato alla ribalta un fenomeno complesso e ricco di sfaccettature.

“Se mi infervoro è perché noi facciamo da vent’anni quella che ci pare una cosa tutto sommato semplice: riproporre su altri device i contenuti di una radio”, spiega Suraci, che a inizio millennio ebbe l’illuminazione visitando una fiera dedicata alla radiofonia a Las Vegas. “Fui investito dalle immagini e questo mi colpì: fino ad allora la radio era il teatro della mente, che poi in Italia è stato spazzato via dall’avvento della TV. Incontrai dei colleghi tedeschi, che mi raccontarono di aver aperto un canale rock satellitare. E quasi per caso incrociai due aziende italiane operanti nel settore delle infrastrutture tecnologiche, con le quali collaborammo per lanciare, nel 2000, la nostra prima radio-TV satellitare, 102.5 Hit Channel. La grande innovazione, allora, fu la possibilità di interagire con gli ascoltatori, passando in video - in tempo reale - gli sms ricevuti”.

“Ripeto, la novità non è il simulcast”, tiene a precisare Suraci: “Non abbiamo mai allestito uno studio televisivo, perché non erano quelli i nostri progetti: chi fa televisione fa un’altra cosa. La presenza delle telecamere in studio permette di dare, attraverso le immagini, delle sensazioni complementari alla fruizione del solo audio. Non è una cosa che si può copiare in due giorni, nemmeno avendo a disposizione dei budget importanti: i mezzi permettono di alzare ai massimi livelli gli standard di produzione, ma da soli non bastano. Noi, per perfezionare il prodotto, abbiamo lavorato per vent’anni. E poi c’è un aspetto che indissolubilmente legato alla genuinità: la nostra radiovisione è in diretta, sette giorni su sette, 24 ore su 24. I contenuti partono dalla realtà, non c’è niente di preparato”.

Un format naturalmente vocato alla crossmedialità come è stato accolto dal mercato degli inserzionisti? “All’inizio non bene, anzi: con la radiovisione qualche fastidio l’abbiamo dato, alla pubblicità”, ricorda Suraci: “Ma adesso le cose sono molto migliorate, grazie anche alla nostra concessionaria. Spero tuttavia che in futuro ci venga riconosciuto qualcosa di più, perché la radiovisione - dal punto di vista economico - è impegnativa: basti pensare che solo a livello di costi di banda noi giochiamo nello stesso campo di emittenti nazionali di fascia alta come Rai 1 e Canale 5”.

Alla luce dei vent’anni di esperienza nel campo, che futuro immagina Suraci per la radiovisione? “Certamente l’invasione dei DSP non ci preoccupa: quando Internet fece il boom a fine anni Novanta tutte le grandi piattaforme ci proposero di diventare fornitori di contenuti in nome dello scambio di visibilità, ma noi non abbiamo mai ceduto. Produrre contenuti richiede impegno e fatica, e noi gratis non abbiamo mai dato niente. Anche perché poi, per certi versi, i contenuti senza pagare loro se li sono presi ugualmente, basta guardare cosa sta succedendo all’editoria”, conclude Suraci: “Dal canto nostro, ci stiamo espandendo: oltre a RTL 102.5, Radio Zeta e Freccia oggi abbiamo altre sei realtà, tra le quali RTL News, un canale talk all news fatto da giovani tra i 20 e i 25 anni del quale vado molto orgoglioso. Con le nuove opportunità offerte dalla radiovisione e la nostra nuova organizzazione interna riusciamo a coprire target tra gli 0 e i 100 anni, grazie a scalette diverse pensate per pubblici diversi. A noi non interessano i palinsesti fatti dagli utenti: le nostre sono proposte editoriali con una precisa identità, create da una struttura che sta vivendo un processo di rinnovamento totale”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.