Ampled, la cooperativa degli artisti per la monetizzazione della fan base

Con un misto di approcci tratti da diversi modelli di business, la startup propone una piattaforma a iscrizione totalmente trasparente per musicisti e sostenitori
Ampled, la cooperativa degli artisti per la monetizzazione della fan base

Ampled funziona così:

  • ti iscrivi alla sua piattaforma pagando un prezzo unico, tre dollari al mese, che vanno a supportare direttamente il tuo artista preferito (se desideri, puoi sempre versare importi superiori)
  • con quell’importo accedi ai contenuti che quell’artista posta esclusivamente sulla piattaforma, auspicabilmente con una frequenza congrua rispetto alla promessa di intrattenere i suoi fans in modo continuativo
  • così facendo, l’artista inizia a generare ricavi ricorrenti, possibilmente il suo maggiore problema in questa fase storica.

Ricorda un po’ Patreon? Ricorda un po’ OnlyFans? Ricorda un po’ Bandcamp? Risposta esatta, in qualsiasi caso.

Il razionale sottostante è la monetizzazione della carriera dell’artista, ottenibile offrendo ai fans materiale inedito, che si potrebbe definire anche “impagabile”. C’è una logica ferrea in tutto ciò: per un fan – come dimostrano le follie sugli acquisti di certi NFT – il senso del “prezioso” è scollegato dal valore intrinseco del contenuto; può essere prezioso anche il racconto di 30 secondi in cui l’artista racconta cosa ha preso per colazione. Oppure può aggiungere valore alla sua esperienza anche un video di 20 secondi in cui l’artista le/gli mostra come esercita le sue corde vocali, o come crea un riff nuovo di zecca alla chitarra. Cosa hanno in comune questi (esempi di) contenuti? Due elementi:

  1. Possono generare ricavi a marginalità totale per l’artista, non essendo collegati a licenze appartenenti a contratti diversi (come quello con una label)
  2. All’artista costa zero produrli.

Il punto distintivo di Ampled, tuttavia, è la forma giuridica scelta: quella di una cooperativa che, beninteso, è “for profit” e non “no-profit” come spesso si sarebbe tentati di credere. E’ tecnicamente un’impresa collettiva che serve gli interessi dei propri membri. E i suoi membri non sono azionisti o investitori, ma i suoi prestatori d’opera e i suoi clienti.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/e-on2ctt6YCMkpQ-K68I5v_sDrk=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/schermata-2021-04-02-alle-08-31-40.png

Ampled trattiene tra il 7 e il 13% dei ricavi da membership (è l’artista che sceglie quanto), che vanno a finanziare i suoi costi operativi, il suo funzionamento. Gli utili sono redistribuiti ai soci, che sono suddivisi in 3 classi: artisti-proprietari (con 3 posti in consiglio, ai quali spetta l’85% degli utili); lavoratori-proprietari (con 3 posti in consiglio, ai quali spetta il 15% degli utili); e i membri della comunità, ai quali non spettano utili ma che possono essere eletti in consiglio.

Al momento di pubblicare questo articolo, Ampled contava su 485 artisti membri; nell’ipotesi (del tutto inventata allo scopo di simulare una dimensione economica) che ciascuno avesse mediamente 100 fans paganti, Ampled starebbe fatturando 145.500 dollari al mese, ovvero $ 1.746.000 all’anno; un artista con 300 fans ricaverebbe 837 dollari al mese (retrocedendo il 7% dei suoi ricavi alla piattaforma).

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.