Clubhouse su Android (e aperto a tutti)? Succederà, ma non subito

Il co-fondatore dell’app Paul Davison illustra la road map dei prossimi passi
Clubhouse su Android (e aperto a tutti)? Succederà, ma non subito

Clubhouse, la piattaforma social basata sui contenuti audio al momento disponibile solo sui sistemi operativi iOs e “chiusa” da un sistema di adesione esclusivamente a inviti, si aprirà anche ai dispositivi basati su Android: a spiegarlo è stato il co-fondatore dell’app Paul Davison nel corso del Town Hall Update di Clubhouse. Il team di sviluppatori della piattaforma sta lavorando “molto duramente” per apportare le modifiche al sistema, ma il processo di allargamento del social impiegherà verosimilmente qualche mese per compiersi.

Le ragioni delle tempistiche indicate risiedono nella complessità dei lavori necessari per conseguire un obiettivo così ambizioso: “Sarà davvero importante aprirci a tutti”, ha precisato Davison, “Soprattutto Android. E la funzione di localizzazione diventerà fondamentale”.

Alla metà di questo marzo Clubhouse ha lanciato un nuovo programma dedicato ai creator, battezzato Creator First e presentato come “un incubatore per per aiutare gli aspiranti creator a tenere incontri straordinari, ampliare il proprio pubblico e monetizzare” le proprie attività. Tra le iniziative allo studio per offrire ai creativi la possibilità di sistematizzare la produzione e rendere profittevoli i propri contenuti ci sarebbero - secondo quanto emerso - lo sviluppo di partnership con brand, forme di tutorship per creator, il coinvolgimento di ospiti speciali e l’implementazione di funzioni di monitoring sui contenuti e di registrazione audio.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.