NFT e musica, il post-hype: cosa potrebbe accadere al mercato

Aste, beni scarsi, bizzarrie da superstar e follie da superfan hanno montato il fenomeno. Ma gli NFT hanno un potenziale commerciale per più interessante per la l’intera categoria degli artisti
NFT e musica, il post-hype: cosa potrebbe accadere al mercato

Il Wall Street Journal ha calcolato che dal giugno 2020 circa 29.800 NFT nella cui vendita primaria erano coinvolti artisti ha generato ricavi per $42,5 milioni. Nell’articolo si evidenzia come questo fatturato sia ripartibile al 50% cadauno tra “visual artists” e artisti musicali.

La quota di questi ultimi, secondo il quotidiano economico americano, sarebbe ulteriormente suddivisibile a metà, quindi con un 25% del totale cadauno appannaggio dei performer e degli aventi diritto.

A tal proposito, in questo pezzo abbiamo proposto una panoramica di cosa e a quanto una manciata di artisti pionieri hanno venduto via NFT.

E’ una bolla?

Chi lo sa. Però ci sono buone ragioni per non liquidare il binomio NFT-Musica come puro hype. Non foss’altro perchè gli NFT stanno offrendo all’industria una prospettiva diversa, fresca e alternativa. La loro diretta correlazione con la tecnologia blockchain non significa che promettano gli stessi risultati o ambiscano ad analoghi obiettivi. La blockchain guardava e guarda all’industria musicale per quanto attiene alle licenze e ai diritti. Gli NFT invece puntano sulle esperienze che gli artisti possono offrire ai loro fans.

Qual è il terreno di coltura del fenomeno degli NFT

Soprattutto nella musica, è il risultato di un combinato disposto di “drop culture”, di espansione delle criptovalute, della tendenza alla detenzione e non-cessione dei propri master, nonché degli effetti della pandemia, sia come surrogato di ciò che ci manca a causa del distanziamento sociale, sia come ricerca spasmodica di qualsiasi mezzo di monetizzazione alternativo alle attività fisiche e in presenza scomparse dal novero delle cose fattibili.

Oggi una nicchia, domani un mercato di massa

Oggi lo spaccato NFT / Musica è limitato a una nicchia di mercato in cui i protagonisti sono da un lato i leader tecnologici in tema di blockchain e cripto-valute e dall’altro le superstar con fan base molto estese. I prezzi degli articoli venduti sono fuori controllo perché si vendono all’asta serie limitate, in una metafora digital-musicale di quello che fanno Christie’s e Sotheby’s. Ma questo è solo il volto della bestia. Questo è l’hype. Il corpaccione della bestia è molto più esteso. Non è una nicchia, ma un mercato di massa: quello in cui, semplicemente, i fans potranno acquistare direttamente dagli artisti. Non roba rara e in modalità-asta. Semplicemente roba in vendita. Senza intermediari.

La promessa degli NFT non è arricchire a dismisura ma, coerentemente con quella della blockchain, è: archiviare un modello di business obsoleto e affermarne uno nuovo, grazie a costi minori e efficienza maggiore. Più in dettaglio: l’artista può assumere il controllo delle sue pubblicazioni (quali che siano i prodotti e i formati) perché la sua relazione con i fans diventa diretta, tracciabile e monetizzabile. Se poi - a seconda della piattaforma utilizzata (Nifty, SuperRare, Gateway, Foundation, Zora, Opensea…), del suo genere di appartenenza con i valori e i costumi che gli sono affini, dall’ampiezza della sua fanbase - l’artista decidesse di puntare comunque sulla scarsità e sull’asta, questo resterà ovviamente possibile. Ma la portata del fenomeno NFT è correlata alla capacità per l’artista di monetizzare facilmente, in alcuni casi monetizzando anche l’impagabile e l’incommensurabile. E’ correlata alla capacità di colmare la distanza tra fisico e digitale, di valorizzare il D2C, di rivoluzionare la distribuzione del merchandise sganciandolo dalla quasi esclusiva presenza sui banchetti fuori dai concerti. E, certamente, è correlata anche alla capacità di tracciare le transazioni conteggiando ed erogando a dovere le royalties, non soltanto sul mercato primario (prima vendita) ma anche su quello secondario (rivendite successive).

Difficile – anzi: impossibile – che le label più intraprendenti non individuino un modo per partecipare al nuovo modello.
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.