Grammy Awards 2021, tonfo negli ascolti TV (ma è boom in streaming e sui social)

I rilevamenti di Nielsen parlano di una music’s biggest night poco gradita allo spettatore medio televisivo, ma con grandi potenzialità sul Web
Grammy Awards 2021, tonfo negli ascolti TV (ma è boom in streaming e sui social)

Secondo Nielsen, la multinazionale specializzata in ricerche di mercato che analizza - tra le altre cose - il volume di ascolti televisivi dei network americani, gli ascolti televisivi della passata edizione dei Grammy Awards hanno fatto segnare il dato più basso dal 2006: la torrenziale cerimonia durata oltre tre ore e mezza ospitata dal Convention Center di Los Angeles ha fatto registrare una media di 8,8 milioni di spettatori, con un calo del 53% rispetto al dato fatto segnare dalla precedente edizione dello show, che fu capace di imporsi su oltre 18 milioni di schermi a livello nazionale. Prima della scorsa domenica, i Grammy meno graditi al pubblico televisivo sono stati quelli - appunto - del 2006, che registrarono un ascolto medio di 17 milioni di spettatori.

Il record negativo - che consolida la tendenza registrata negli ultimi anni - era ampiamente atteso, dagli addetti ai lavori: il produttore esecutivo dello show Ben Winston, prima ancora del 14 marzo, aveva spiegato al Los Angeles Times di aspettarsi una contrazione tra il 30 e il 60% su base annua. Il bilancio dell’edizione 2021 della music’s biggest night, inevitabilmente segnata - anche agli occhi del pubblico - dalla pandemia, non è da considerare del tutto negativo.

La conduzione di Trevor Noah, che ha avvicinato uno degli show più istituzionali della TV americana a prodotti più informali come il “Later...With Jools Holland” della BBC, è stata apprezzata da gran parte della critica, che ha lodato la capacità dei produttori di saper sfruttare le limitazioni imposte dell’emergenza sanitaria a proprio vantaggio. La sorpresa, tuttavia, è arrivata dal Web: Paramount+, il servizio di streaming della CBS, pur senza comunicare dati numerici ufficiali ha parlato di un incremento dell’83% nelle visualizzazioni digitali. Ancora meglio sarebbe andata sulle piattaforme social: secondo Variety i Grammy 2021, nel complesso, avrebbero generato 77 miliardi di interazioni, tanto con il proprio hashtag ufficiale che con quelli legati alle star protagoniste della cerimonia.

Il dato, pur con i valori relativi ai picchi assolutamente non comparabili, è accostabile a quello registrato dalla scorsa edizione del Festival di Sanremo, che a fronte di una lieve contrazione degli ascolti televisivi ha fatto segnare un forte incremento sia nella fruizione via streaming - su Raiplay - che nelle interazioni social.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.