Spotify blocca una canzone Covid-cospirazionista di Ian Brown

La piattaforma streaming svedese ha tolto dal proprio catalogo il brano del già Stone Roses ‘Little Seed Big Tree’, già al centro delle polemiche per il messaggio relativo alla pandemia
Spotify blocca una canzone Covid-cospirazionista di Ian Brown

Ha voluto cancellarsi, ed è stato cancellato. Ian Brown, convinto sostenitore delle teorie cospirazioniste relative alla pandemia di SarS-Cov-2, ha visto il suo brano “Little Seed Big Tree” venire oscurato sul servizio di streaming musicale Spotify. La canzone, nella quale l’artista britannico - che lo scorso 4 marzo ha chiesto di venire estromesso dal cartellone del festival Neighbourhood Weekender a causa della scelta degli organizzatori di esigere dal pubblico un certificato vaccinale per essere ammesso all’area dei concerti - parla di “lockdown massonico” e “Dottor Male con il suo ago” pronto a inoculare “un chip per avere il controllo completo”, è stata giudicato dai responsabili della piattaforma streaming “inappropriato” per i propri standard.

“Spotify vieta i contenuti che promuovono contenuti pericolosi, falsi, ingannevoli o fuorvianti sul Covid-19 che possano causare danni o rappresentare una minaccia diretta per la salute pubblica”, aveva spiegato in una nota la società svedese quotata sulla borsa di New York: “Quando viene identificato un contenuto che viola questo standard, viene rimosso dalla piattaforma”.

“Spotify censura gli artisti come ha fatto con la mia ultima canzone”, ha accusato l’artista su Twitter: “Libera espressione come rivoluzione”

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.