Peter Hammill, un album di cover (con molte canzoni italiane). Tracklist

Il nuovo lavoro della storica voce dei Van der Graaf Generator si intitola "In translation" e uscirà a maggio.
Peter Hammill, un album di cover (con molte canzoni italiane). Tracklist

Su "La Stampa" del 14 marzo, Marinella Venegoni intervista in esclusiva Peter Hammill, da oltre cinquant'anni voce storica dei Van der Graaf Generator, che è in procinto di pubblicare il suo primo album di cover ("In translation").


"Quando è cominciato il lockdown in Inghilterra mi sono accorto che non riuscivo a cominciare a scrivere nuovo materiale per
me. Così ho cominciato a lavorare alle cover di alcune canzoni, solo come divertimento ed esercizio di registrazione. Poco alla volta è diventato chiaro che questa raccolta di canzoni aveva imprevedibilmente un suo perché".


Nella tracklist, che riportiamo in coda alla notizia, spicca la presenza di ben quattro brani di autore italiano (a conferma del forte legame che Hammill ha da sempre con il nostro Paese - sottolineata anche dalla felpa che il cantante indossa sulla copertina del disco).
Sono "Hotel Supramonte", di Fabrizio De André e Massimo Bubola, dall'album "dell'indiano" del cantautore genovese; "Ciao amore ciao", di Luigi Tenco, la canzone che segnò la sua partecipazione al Festival di Sanremo (Hammill ha ricevuto il Premio Tenco nel 2004), "Il vino" di Piero Ciampi e "Uno dei tanti" di Mogol e Donida.

Quest'ultima è una canzone del 1961, incisa da Joe Sentieri e poi tradotta in inglese da Leiber e Stoller con il titolo "I who have nothing"; fu cantata da Ben E. King, dagli Status Quo, da Tom Jones, da Joe Cocker, ma la versione alla quale si rifà Hammill è quella di Shirley Bassey.


Altre due canzoni hanno riferimenti italiani: si tratta di "Oblivion" di Astor Piazzolla (che Hammill ha conosciuto nella versione cantata da Milva) e di "After a dream" ("Debbo confessare che è stata Alice a introdurmi al pezzo di Fauré con il suo 'Melodie Passagère'" - l'album del 1988).


Nell'intervista Peter Hammill dice di sperare che il tour italiano dei Van der Graaf programmato per lo scorso anno si possa tenere il prossimo settembre.

Tracklist:

The Folks Who Live On The Hill (Kern/Hammerstein)
Hotel Supramonte (De André/Bubola)
Oblivion (Piazzolla/Tarenzi)
Ciao Amore (Tenco)
This Nearly Was Mine (Rodgers/Hammerstein)
After A Dream (Fauré/Bussine)
Ballad For My Death (Piazzolla/Ferrer)
I Who Have Nothing (Magati/Mogol/Leiber/Stoller)


Il Vino (Ciampi/Marchetti)
Lost To The World (Mahler/Rückert) 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.