Comunicato Stampa: 'Cry baby - L'ultima notte di Janis Joplin' debutta ad Asti

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.


“CRY BABY”
L’ULTIMA NOTTE DI JANIS JOPLIN

SPETTACOLO TEATRALE
di MASSIMO COTTO
con CHIARA BURATTI e ANDREA GHERPELLI
musiche dal vivo di LUCA NESTI
regia di RICCARDO DE TORREBRUNA

Debutta sabato 2 luglio ad Asti, per la rassegna Astiteatro, “CRY BABY – L’ULTIMA NOTTE DI JANIS JOPLIN”, la piece teatrale che ricostruisce l’ultima tragica notte di colei che viene considerata la più grande voce blues nella storia del rock.

Lo spettacolo, scritto dal critico musicale MASSIMO COTTO, è interpretato dalla giovane attrice CHIARA BURATTI e da ANDREA GHERPELLI (nel ruolo di Dave, amico immaginario di Janis) per la regia di RICCARDO DI TORREBRUNA con musiche dal vivo di LUCA NESTI e brani originali di Janis Joplin.


“CRY BABY” mette in scena gli ultimi tragici momenti della “donna che cantava con l’utero” (così veniva definita la giovane cantante americana), quando in una stanza del Landmark Motor Hotel di Hollywood la sua vita viene spezzata, a ventisette anni, da una dosa di eroina troppo pura.
“CRY BABY” è l’ultima notte di Janis Joplin, costretta a confrontarsi con la solitudine e il suo passato, gli amori bisessuali e l’ansia di farsi accettare per ciò che era. Perchè Janis Joplin non aveva nulla, era bruttina, sgraziata, senza radici, aveva solo quella voce che usciva dalle viscere e si faceva rito, messa pagana, canto e incanto.

Nella stanza del Landmark Hotel Janis era da sola con Dave, una proiezione di se stessa, l’amico che non ha mai avuto, la persona che le avrebbe probabilmente salvato la vita se fosse esistito veramente.

É a poche ore dalla sua morte ma è convinta che per lei stia per nascere una nuova vita. Prima di bucarsi per l’ultima volta, Janis analizza la sua vita: il rapporto tormentato con la sua città (“la mia prigione natale”), la famiglia, la musica, la fama, le amicizie, le disillusioni, le umiliazioni subite, le sei overdose, l’aborto, il folgorante incontro con Leonard Cohen, il dolore per non essere mai stata capita. Assecondata da Dave, Janis attraversa gioia e rimpianti, devastazioni e speranze. Poi si addormenta e sogna. Sogna la sua morte. Esattamente come avverrà, due ore dopo. Ma lei non se ne cura. Perché “è appena morto Jimi Hendrix e non si è mai visto che due rockstar muoiano in meno di due mesi”. Perché “per tre anni mi sono infilata un ago nel braccio ogni sei ore e se non sono morta è perché sono più forte io”. Muore nell’unico momento in cui Dave non c’è, all’1 e 40. Muore per far nascere la leggenda.



“CRY BABY” verrà rappresentato il 2 luglio ad ASTI, il 7 luglio a PISTOIA (Pistoia Blues), l’8 luglio a NAPOLI (Neapolis Festival), il 10 luglio a MONTALE -PT- (Moon-Tale Festival)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.