Tony Allen: esce il primo album postumo della leggenda dell'Afrobeat

C'è anche un pezzo con Damon Albarn e Skepta. Il disco arriverà nei negozi ad un anno dalla sua scomparsa.
Tony Allen: esce il primo album postumo della leggenda dell'Afrobeat

Ci stava lavorando l'anno scorso, prima dell'aneurisma aortico che se lo portò via, a 79 anni: l'ultimo album di Tony Allen, leggenda dell'Afrobeat, ha ora una data d'uscita. Il disco, che è il primo lavoro postumo del batterista, attivissimo in studio anche negli ultimi anni (da "Film of life" del 2014 a "The source" del 2017), arriverà nei negozi e sulle piattaforme il prossimo 30 aprile, in occasione di quello che sarà il primo anniversario della sua scomparsa. Si intitola "There is no end" e contiene collaborazioni con - tra gli altri - Damon Albarn e Skepta, che hanno partecipato a una traccia, "Cosmosis", già disponibile in rete.

Damon Albarn aveva omaggiato Tony Allen con "How far?", canzone dei Gorillaz con lo stesso Skepta pubblicata dalla band pochi giorni dopo la scomparsa del batterista, tra le tante frutto della collaborazione tra Albarn e Allen.


Di seguito, copertina e tracklist di "There is no end":
https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/YQojREJCySYlgdOxKIO2fc_xhi4=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/tony-allen-there-is-no-end-1615566865.jpeg

01. Tony’s Praeludium
02. Stumbling Down (feat. Sampa the Great)
03. Crushed Grapes (feat. Lord Jah-Monte Ogbon)
04. Très magnifique (feat. Tsunami)
05. Mau Mau (feat. Nah Eeto)
06. Coonta Kinte (feat. Zelooperz)
07. Rich Black (feat. Koreatown Oddity)
08. One Inna Million (feat. Lava La Rue)
09. Gang On Holiday (Em I Go We?) (feat. Jeremiah Jae)
10. Deer In Headlights (feat. Danny Brown)
11. Hurt Your Soul (feat. Nate Bone)
12. My Own (feat. Marlowe)
13. Cosmosis (feat. Ben Okri + Skepta)
14. There’s No End

Jovanotti, che con Tony Allen registrò durante le sessions di "Oh, vita!", l'album del 2017, ricordò il musicista sui social con un lungo post: "Ci ha lasciato uno dei musicisti più importanti di sempre. Esiste il ritmo prima e dopo la sua invenzione condivisa con king Fela Kuti, l'afrobeat. Abbiamo suonato insieme, lui è stato fantastico con me, generoso di racconti pazzeschi sugli anni della gloria e su quelli in cui nessuno lo voleva più, poi la rinascita, diventare un mito per generazioni che continuano a scoprire il suo sound e ad attingere a quella fonte sempre freschissima di musica".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.