Swizz Beatz e Timbaland vendono Verzuz a Triller

Il format creato dai due produttori diventa proprietà del competitor americano di TikTok
Swizz Beatz e Timbaland vendono Verzuz a Triller

I due Re Mida dell’hip hop a stelle e strisce Swizz Beatz e Timbaland hanno ceduto Verzuz, il format di video streaming nato come sfida tra Dj durante la pandemia, a Triller Network, società madre di Triller, l’app per micro-clip considerata la principale concorrente di TikTok sul mercato americano: benché i termini dell’accordo non siano stati resi noti nei dettagli, è certo che la coppia di producer sia stata ripagata anche con obbligazioni della società, formula - questa - che ha reso i due azionisti di maggioranza del gruppo.

Sia Swizz Beatz che Timbaland, tuttavia, hanno deciso di condividere le proprie azioni con gli artisti che hanno ospitato nel loro format, ovvero - tra gli altri - John Legend, DMX, Alicia Keys, 2 Chainz, Rick Ross, Too $hort, Patti LaBelle, Gucci Mane, Jeezy, E-40, Bounty Killer, D’Angelo, Ludacris, RZA, The Dream, Babyface, Nelly, Jagged Edge, Fred Hammond, Jadakiss, Fabolous, Brandy, Monica, Gladys Knight, Boi-1da, Hit-Boy, Ne-Yo, Johnta Austin, Scott Storch, T-Pain, Lil Jon, DJ Premier, Mannie Fresh, Erykah Badu, Jill Scott, Beenie Man, Bounty Killer, 112, Kirk Franklin, Sean Garrett e D’Angelo.

Nata come serie di dirette su Instagram, Verzuz - grazie anche a integrazioni con Apple Music e Twitter - è diventato una realtà via via sempre più consolidata, tanto da emanciparsi dalla forma di “battle” per diventare un vero e proprio evento online che - in occasione di una delle sue puntate più recenti - ha visto la star dell’r’n’b D’Angelo esibirsi al leggendario Apollo Theater di Harlem, a New York

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.