Deezer, dimezzati i costi degli abbonamenti in Kenya e Nigeria

Le piattaforme streaming all’assalto dei mercati emergenti
Deezer, dimezzati i costi degli abbonamenti in Kenya e Nigeria

Il servizio musicale con quartier generale a Parigi Deezer ha tagliato del 50% il costo di abbonamento per i cittadini di Kenya e Nigeria: lo “sconto” riguarda, complessivamente, un bacino di oltre 250 milioni di potenziali clienti. Per andare incontro alle esigenze del pubblico, sul mercato nigeriano sarà concesso pagare la sottoscrizione - fissata a 2,36 dollari al mese - direttamente in valuta locale.

Tra le piattaforme digitali Deezer, per il momento, è tra le meglio posizionate sul mercato africano, essendo già presente sui mercati di Repubblica Democratica del Congo, Libia, Mozambico, Costa d'Avorio e di altri paesi ancora non “coperti” dalla concorrenza. A insidiare il primato della società guidata da Hans-Holger Albrecht sta però arrivando Spotify, che nell’ultimo rapporto annuale ha annunciato il debutto su 80 nuovi mercati, molti dei quali relativi a paesi del continente africano, dove la piattaforma di Daniel Ek opera già in - tra gli altri - Sud Africa, Egitto, Marocco e Algeria. E non è tutto.

Un mercato vasto e in rapida espansione come quello africano non è dette che debba essere solo terra di conquista di realtà occidentali: Anghami, servizio streaming con sede ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi, ha annunciato all’inizio di questo marzo una fusione con la società di investimenti Vistas Media per porterà la piattaforma alla quotazione sulla borsa di New York entro il prossimo mese di giugno. Con già 70 milioni di iscritti, Anghami - attraverso lo sbarco sui mercati - mira a espandere ulteriormente sui mercati emergenti il marchio, che solo negli ultimi tre anni ha visto crescere i propri ricavi dell’80%.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.