MiBACT, 50 milioni di euro per sostegni alla musica

L’annuncio del Ministro Franceschini: ‘Il settore va aiutato fino a un completo ritorno alla normalità’
MiBACT, 50 milioni di euro per sostegni alla musica

Il Ministro di Beni e Attività Culturali Dario Franceschini ha firmato oggi, martedì 2 marzo, un decreto che prevede uno stanziamento di 50 milioni a favore del settore musicale, gravemente provato dallo stop imposto dall’emergenza sanitaria da Covid-19. 

“Altri 50 milioni di euro per il sostegno della musica si aggiungono alle ingenti risorse fin qui stanziate, pari a oltre 1 miliardo di euro, per sostenere il settore dello spettacolo dal vivo, particolarmente colpito a causa della pandemia”, si legge nella nota ufficiale diffusa oggi dal MiBACT: “E’ stato detto sin dall’inizio dell’emergenza sanitaria: questo settore, che sta vivendo una crisi drammatica, va aiutato fino al completo ritorno alla normalità. È un’espressione alta e particolarmente popolare della creatività italiana, che merita ogni supporto”.

Nel dettaglio, il decreto destina 15 milioni di euro al ristoro di live club e altri operatori nel settore della musica dal vivo, 10 milioni di euro agli organizzatori di concerti, per compensare le perdite dovute alle date annullate o alla mancata programmazione di date, e 25 milioni agli autori, artisti interpreti ed esecutori per i mancati incassi.

“Apprendiamo con gratitudine ed entusiasmo della firma oggi di un nuovo decreto da parte del Ministro Dario Franceschini a sostegno della musica”, ha dichiarato al proposito il Presidente SIAE Giulio Rapetti Mogol: “Questo ulteriore atto dimostra la sensibilità del Governo nel sostenere con azioni concrete il nostro settore duramente colpito dalla crisi pandemica che ancora ad oggi non sembra arrestarsi”.

“Apprezziamo molto l’iniziativa del Governo e siamo certi che darà una bella boccata d’ossigeno agli artisti”, gli ha fatto eco il presidente di NUOVOIMAIE Andrea Micciché: “Noi siamo pronti a fare la nostra parte nel corrispondere il dovuto a chi più ne ha bisogno”.

“Si tratta di una notizia positiva per il settore della gestione dei diritti musicali duramente colpito dai vari lockdown e ringraziamo il Ministro Franceschini per questo intervento di emergenza”, ha aggiunto il Presidente di SCF e ceo di FIMI, Enzo Mazza.

Apprezzamenti per il provvedimento sono stati espressi anche dall’ad di GetSound Alessandro Angrisano e da Massimo Benini di Evolution: “In questo periodo di grande incertezza la notizia del nuovo decreto firmato oggi dal Ministro Franceschini è un segnale importante e di grande attenzione per il nostro settore messo duramente alla prova da questa crisi pandemica”, ha dichiarato Benini.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.