Sanremo 2021, Davide Shorty: “Porto l’incontro tra canzone d’autore e rap”

Da X Factor al Festival, passando per Londra e Milano: l'intervista
Sanremo 2021, Davide Shorty: “Porto l’incontro tra canzone d’autore e rap”

“Davide shorty è un ragazzo di Palermo che fa musica, scrive e fa rap, che vive a Londra da più di 10 anni e che tra poco sale sul festival di Sanremo”: si presenta così, semplicemente, l’autore di  “Regina”, stasera in gara tra i giovani. 
In realtà non è un nome del tutto sconosciuto né in generale, né ai lettori di Rockol, anzi. Nel 2015 Davide Shorty si è classificato terzo ad X Factor, e ha anche evitato la classica sindrome del post-talent, con uscite e collaborazioni di qualità, come quella con Daniele Silvestri.  Anzi, ci ha pure scherzato, come quando ha pubblicato il singolo ”Canti ancora?", assieme al suo ex-giudice e tutor Elio

Oggi racconta:  “La mia canzone, è il punto di incontro tra la canzone d’autore italiana e il rap, l’hip-hop. L’ho scritta un paio di anni fa durante una session con la mia band sul lago maggiore e l’ho subito visualizzata su quel palco, con gli archi e tutto il resto. Io faccio musica per esigenza, per espressione, non per andare da qualche parte. Credo che sia un grandissimo privilegio, poter condividere musica con le persone. A distanza di due anni è bello che questa visione prenda forma: l’unica cosa che manca, come l’avevo vista, è la mancanza della mia band, per le limitazioni del covid. Ma magari, tra qualche tempo, ci tornerò tra i big con la ma band”.

Tra i suoi riferimenti cita anche Fabio Concato e Luigi Tenco; “Per le parole, e per come le porge, la delivery come si dice in inglese. Una canzone d’amore può sembrare quasi banale, ma volevo una canzone solare. La cosa che può farla risultare diversa è che le influenze dei suono internazionali e la commistione con la nostra tradizione. Finalmente stiamo capendo che la diversità, l’inclusività sono un valore, un’opportunità”.

Ad AmaSanremo ha incontrato Morgan, che era tra i giudici che l'hanno promosso al Festival: è nato così il titolo del suo disco, “Fusion”, che uscirà in due parti. “M ha detto ‘Tu sei fusion’. Io in realtà non lo sono letteralmente, lo sono nomi i Weather Report, gli Yellow Jacket. Ma lo sono forse per la commistione. Ho deciso di uscire con la prima parte perché lo sto ancora terminando, ma volevo far uscire qualcosa subito”. La prima parte, quella che esce questa settimana, si intitola “Fusion a metà”,  un titolo-omaggio a Pino Daniele.

“Mi aspetto che sia un’esperienza importante", conclude. "Da cui imparare tantissimo, a partire dalla gestione dell’ansia all’idea di portare un messaggio chiaro, da amplificare. Da me mi aspetto il massimo, darò tutto, divertendomi ma sapendo che essere su un palco che in questo momento, con tanti colleghi a casa, non è scontato, in attesa che sul palco ci possano tornare tutti".



 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.