Ghemon a Sanremo: “Come il Joker: non si tratta di soldi, ma di dare un messaggio”

L’artista calcherà il palco dell’Ariston con il brano “Momento perfetto”: “Ci dicono sempre di abbassare la cresta, la canzone invece celebra l’amore per se stessi”. E scatta sui social l'operazione televoto...
Ghemon a Sanremo: “Come il Joker: non si tratta di soldi, ma di dare un messaggio”

“Qualcun altro ha il tuo posto e i tuoi soldi, ho aspettato in silenzio e con calma, ma ora mi è venuta voglia di urlare. Sono convinto che questa sia l’ora mia, il momento perfetto per me”. “Momento perfetto”, la canzone con cui Ghemon si presenta in gara al prossimo Festival di Sanremo, è un manifesto di intenti, una rivincita in musica.

“È un testo pieno di positività, racconta le difficoltà quotidiane, ma con una chiave diversa – dice Ghemon – è un pezzo sul credere in se stessi e sul superamento delle avversità. È un mix un di generi: rap, soul, gospel. C’è un sacco di gioia. Credo che prima di essere un buon scrittore, debba essere un bravo osservatore. Per questo spero che, attraverso la mia sincerità, in molti si rivedano in questo ‘Momento perfetto’. Quando l’ho scritta ho pensato ai progetti andati storti, ai sacrifici non ripagati, a chi ho visto sfrecciarmi davanti senza merito. Ma invece di abbattermi, sono andato avanti creandomi nuove opportunità. Mi sento in un bel momento della mia vita, ho voluto fotografare tutto questo in un’atmosfera agrodolce”. C’è una frase simbolo nel pezzo: “Non sono secondo a nessuno”. “Ci dicono sempre di essere umili e di abbassare la cresta, ma c’è una bella differenza fra consapevolezza e arroganza – sottolinea Ghemon – dirsi ogni tanto ‘credo in me’ penso che possa farci stare bene. I social ci schiaffano in faccia ogni giorno il nostro essere ‘secondi’ rispetto a qualcun altro. Amarsi può essere un antidoto per i momenti negativi”.

È un ritorno, a Sanremo 2021, quello di Ghemon (che sui social ha pubblicato una simpatica clip in cui va alla ricerca di televoti chiamando aici che non vede e non sente da una vita). L'artista ha già calcato il palco del Teatro Ariston due volte, gareggiando nel 2019 con il brano “Rose viola”, e come ospite della serata dei duetti, per cantare “Adesso” con Diodato e Roy Paci nel 2018.

“Arrivo a Sanremo con una grande voglia di mettermi in gioco ancora una volta – sorride – non sono sciolto, ma neppure teso. Sono in un buon momento di equilibrio. Mi piace una frase del Joker nel film di Nolan: ‘Non si tratta di soldi, ma di dare un messaggio’. Sono arrivato a un punto dove per me la priorità è mostrare tutte le mie sfaccettature, le mie anime, come già successo in passato, ma questa volta disinteressandomi del resto”.

Nella serata delle cover si esibirà con i Neri per Caso , insieme proporranno un medley di “Le ragazze”, “Donne”, “Acqua e Sapone” e “La canzone del sole”. “Mi sono riascoltato tutto il catalogo dei Neri per Caso – spiega – li trovo fantastici. È un coro capace di regalare nuova linfa alle canzoni”. Definire rapper Ghemon, al secolo Giovanni Luca Picariello, è riduttivo. Il suo stile, infatti, è la riuscita combinazione fra cantautorato e rap, che negli anni ha saputo rinnovare, contaminando l’hip hop con il soul e la musica black con la canzone italiana. Il 24 aprile 2020, in pieno lockdown, Ghemon ha pubblicato il suo sesto album, intitolato “Scritto nelle stelle”. Sul palco dell’Ariston inaugura il suo nuovo percorso musicale, infatti venerdì 19 marzo esce l’album
“E vissero feriti e contenti” , che esprime una rinnovata visione artistica ed esistenziale, la voglia di vivere al meglio il presente e aprirsi alla vita.

“Questo disco è una mia creatura, figuro come produttore per la prima volta insieme a Simone Privitera, si è creata una squadra intorno a questo progetto – conclude l’artista – in un anno in cui siamo stati tutti chiusi, mi sono dedicato completamente alla musica e questo mi ha in qualche modo ‘salvato’. Dentro c’è tutta la mia curiosità musicale, è davvero l’album più completo e sfaccettato della mia carriera. Sono riuscito, a distanza, perfino a collaborare con grandi artisti internazionali. Il titolo? Sono io, ma è anche la mia generazione. È la fine di una fiaba e l’inizio di qualche cosa di nuovo. Abbiamo preso delle botte, ma ora è il momento di affrontare la realtà in modo diverso, anche con il sorriso”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.