Taylor Swift controdenuncia un parco divertimenti per violazione del diritto d'autore

In precedenza l'Evermore Park aveva denunciato la musicista statunitense per avere intitolato 'evermore' il suo ultimo album.
Taylor Swift controdenuncia un parco divertimenti per violazione del diritto d'autore

E' in corso un contenzioso legale tra Taylor Swift e l'Evermore Park, un parco divertimenti sito nello Utah. La musicista statunitense che era stata citata dal parco per violazione del marchio, avendo intitolato il suo ultimo album, uscito sul mercato lo scorso mese di dicembre, "evermore" (leggi qui la recensione), ora è passata al contrattacco citando a sua volta il parco, per mezzo della TAS Rights Management, la società che gestisce il suo marchio e i suoi diritti musicali, poiché sono stati riprodotti alcuni suoi brani senza averne licenza di poterlo fare.

I documenti presentati in tribunale contengono due lettere inviate dalla BMI (Broadcast Music Incorporated), l'organizzazione che negli Stati Uniti protegge il diritto d'autore, al parco nell'agosto e nel settembre del 2019. La BMI avrebbe contattato l'Evermore Park diverse volte senza ottenere alcun risultato. Nei documenti si afferma inoltre che il parco a tema ha risposto alla BMI solo dopo aver appreso dell'imminente causa intentata dalla TAS, ciò dimostra che il parco è sempre stato consapevole della necessità di una licenza ed è quindi una prova della “violazione intenzionale del diritto d'autore”.

Nella causa contro il parco si sostiene: "Gli imputati impiegano attori che si esibiscono nei panni di vari personaggi a Evermore Park. Questi artisti interagiscono con gli ospiti ed eseguono regolarmente canzoni protette da copyright. In una sezione dell'Evermore Park conosciuta come 'The Burrows', due attori eseguono regolarmente canzoni protette da copyright, comprese le opere in questione". La causa, nello specifico, si riferisce all'uso delle seguenti canzoni di Taylor Swift: "Love Story", "You Belong With Me" e "Bad Blood". La TAS chiede all'Evermore Park di risarcire i danni per ogni singola violazione del lavoro e delle prestazioni della musicista statunitense.

In uno dei documenti viene riportato quanto segue: "In passato, sono state inviate alla vostra attenzione delle lettere insieme alle licenze che riportano la vostra tariffa per l'utilizzo della musica per un ammontare di 1.

728,67 dollari per il periodo da maggio 2019 a dicembre 2019. Questa quota non include tutti gli altri periodi in cui avere utilizzato la musica senza licenza.".

I rappresentanti della Swift in precedenza avevano definito la causa del parco contro la loro assistita "priva di fondamento" e "irresponsabile", affermando che "è inconcepibile che vi sia un rischio di confusione tra (l'Evermore Park) e i prodotti a loro correlati e la musica e i prodotti correlati alla signora Swift".

La direzione del parco aveva infatti sostenuto che la gente era stata confusa e tratta in inganno al momento della pubblicazione dell'album supponendo che esistesse una qualche connessione tra il disco e l'Evermore Park, affermando che molte persone avrebbero iniziato a visitare il sito web della Swift per acquistare il suo merchandising invece di quello del parco. Portando quale prova a sostegno il fatto che il traffico verso il sito web del parco da tale momento aveva subito un drastico calo di visite.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.