Demi Lovato rivela di aver subito danni cerebrali dopo l’overdose del 2018

“Ho avuto tre ictus e un infarto”, fa sapere la cantante, che racconta l’incidente che le fu quasi fatale nella nuova docuserie "Demi Lovato: dancing with the devil”.
Demi Lovato rivela di aver subito danni cerebrali dopo l’overdose del 2018

Dopo aver annunciato l'uscita della serie sulla sua vita privata e pubblica che - tra le altre cose - racconterà dell'overdose da eroina del 2018, Demi Lovato ha pubblicato il trailer del documentario "Demi Lovato: dancing with the devil”, nel quale viene rivelato che la cantante ha avuto tre ictus e un attacco di cuore a seguito di quell’incidente che le fu quasi fatale.

“Ho avuto tre ictus e un infarto. I miei medici mi dissero che avevo dai 5 a 10 minuti in più”, racconta nel documentario la popstar che - salita alla ribalta grazie ad alcuni titoli di successo targati Disney ed in seguito come cantante - nel luglio del 2018 fu trovata incosciente presso la sua casa di Hollywood Hills, a Los Angeles, e trasportata in ospedale dopo essere stata trattata sul posto con il Narcan, un trattamento di emergenza per overdose narcotiche.

A margine di un evento promozionale per "Demi Lovato: dancing with the devil”, parlando con la stampa la 28enne artista ha raccontato delle conseguenze dell’overdose: “Mi ha causato danni cerebrali e ancora oggi ne affronto le conseguenze”. Demi Lovato, stando a quanto riportato dalla CNN, ha aggiunto: “Non guido una macchina perché ho punti ciechi nella mia vista. Per molto tempo ho anche avuto difficoltà a leggere”. Ha continuato: “Mi sembra come se fossero ancora lì per ricordarmi cosa potrebbe accadere se mai dovessi vivere di nuovo un brutto momento”.

A proposito delle conseguenze dell’overdose la voce di “Get back”, il cui canale YouTube il prossimo 23 marzo presenterà i primi due episodi, diretti da Michael D. Ratner, della docu-serie "Demi Lovato: dancing with the devil” composta in totale da quattro puntate (le ultime due usciranno il 30 marzo e il 6 aprile), ha poi fatto sapere: “Sono grata per quei promemoria, ma sono anche molto grata per non aver avuto bisogno di fare un sacco di riabilitazione. La riabilitazione è venuto sul lato emotivo e il lato terapeutico, internamente. Ho fatto un sacco di lavoro dopo, ma non fisicamente".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.