AFI: ‘Pronti a collaborare con il governo Draghi per ripartire da musica e cultura’

L’Associazione Fonografici Italiani al nuovo esecutivo: ‘Quelli che ci attendono saranno mesi decisivi e delicati’
AFI: ‘Pronti a collaborare con il governo Draghi per ripartire da musica e cultura’

Per mezzo di una nota firmata dal proprio presidente, Sergio Cerruti, l’Associazione Fonografici Italiani ha salutato con favore l’incarico di Presidente del Consiglio dei Ministri assegnato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Mario Draghi, il cui esecutivo passerà dal voto di fiducia del Senato alle 10 di oggi, mercoledì 17 febbraio, e alle 11 e 30 di domani, giovedì 18 febbraio, da quello della Camera. “A nome dell’Associazione Fonografici Italiani auguro buon lavoro al Presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi e a tutto il suo esecutivo”, ha dichiarato Cerruti: “Ringrazio inoltre, il Presidente uscente, Giuseppe Conte, per l’impegno nella lotta alla pandemia da Covid-19 che ha costretto il precedente Governo all’assunzione di decisioni non sempre facili”.

“Quelli che ci attendono saranno mesi decisivi e delicati, che richiederanno una forte propensione all’ascolto, ma soprattutto durante i quali sarà necessario dimostrare una chiara volontà di rilancio del settore musicale e culturale”, ha proseguito Cerruti: “In questo senso auspico che si possa ripartire dalla cultura e dell’intrattenimento che ormai da troppo tempo hanno subito un arresto pressoché totale delle proprie attività. E’, infatti difficile immaginare di superare la crisi e rilanciare l’Italia a livello europeo e internazionale senza investimenti e un programma di lungo periodo che tenga conto delle istanze del comparto”.

“Infine, buon lavoro al ministro Dario Franceschini a cui rinnovo le congratulazioni per la conferma del suo incarico, nella speranza che le vecchie istanze non vengano dimenticate e possano trovare applicazione concreta”, ha concluso Cerruti.

“Serve Mario Draghi? Lo si chiami, ma si faccia in fretta”, aveva dichiarato Cerruti a Rockol lo scorso 19 gennaio, a alla vigilia del voto di fiducia al Senato del governo Conte Bis: “Riguardo il ministro della Cultura: esprimo gratitudine nei confronti di Franceschini, che si è sempre dimostrato vicino al nostro settore, ma credo che ci sia da ripensare l’organizzazione del ministero, che andrebbe profondamente rinnovato con la creazione di un’apposita direzione generale musica, che l’intero settore chiede da anni. La tragicità della situazione impone la necessità di fare qualcosa di eclatante: la si faccia e si smetta di essere il paese del ‘non si può fare’”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.