Spotify ‘supera’ l’ufficio: i dipendenti lavoreranno da dove vogliono

La società di streaming annuncia la svolta: ‘Maggiore flessibilità supporterà un migliore equilibrio tra vita professionale e vita privata’ e ‘ci sfiderà a migliorarci’
Spotify ‘supera’ l’ufficio: i dipendenti lavoreranno da dove vogliono

Con un post sul proprio blog aziendale Spotify ha annunciato una rivoluzione che interesserà oltre 3000 dipendenti sparsi in tutto il mondo. Il servizio di streaming musicale fondato in Svezia e oggi quotato alla borsa di New York fatto sapere di voler concedere, a chi lo vorrà, lo smart working anche dopo la fine dell’emergenza sanitaria da Covid-19: secondo la nota pubblicata nella sezione “for the record” della piattaforma la società guidata da Daniel Ek ha varato il piano Work From Anywhere (“Lavora da ovunque”), nel quale si annuncia ai dipendenti “l’opportunità di scegliere una modalità di lavoro, indipendentemente dal fatto che preferiscano lavorare principalmente a casa o in ufficio, oltre alla loro posizione geografica”.

Secondo Spotify “il lavoro non è qualcosa per cui i nostri dipendenti vengono in ufficio, ma qualcosa che fanno”: premesso che l’efficacia di una mansione non sia data dal numero di ore trascorso in ufficio, la società ha deciso di “dare alle persone la libertà di scegliere dove lavorare”, sia per aumentare la qualità del lavoro svolto sia per “supportare un migliore equilibrio tra vita professionale e vita privata” per le maestranze. Inoltre, sempre secondo Spotify, “una struttura ‘distribuita’ ci sfiderà a migliorare le nostre pratiche, processi e strumenti di comunicazione e collaborazione”.

“Come parte del nostro costante impegno sul posto di lavoro dinamico, stiamo rivalutando i nostri uffici in tutto il mondo per una maggiore sostenibilità, flessibilità e benessere per garantire che tutti i nostri dipendenti, indipendentemente dalle capacità o dalla situazione, possano lavorare comodamente ed efficientemente”, conclude la nota dell’azienda: “L'obiettivo finale del nostro nuovo approccio alla progettazione è garantire che i dipendenti abbiano un luogo in cui concentrarsi, collaborare e creare, che si tratti di una scrivania, di una sala conferenze o di un bar”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.