Andrea Tich, un nuovo album: "Storia di Tich"

Il suo debutto, "Mastùrbati", risale al 1978: ora un nuovo disco
Andrea Tich, un nuovo album: "Storia di Tich"

Il primo album di Andrea Tich, uscito per la prestigiosa etichetta Cramps nel 1978, si intitolava "Mastùrbati", e fu realizzato con la produzione di Claudio Rocchi e con la partecipazione di Hugh Bullen al basso, Claudio Panarello alla batteria e percussioni, Lucio Fabbri alle tastiere e al violino, Daniele Cavallanti al sax, Pino Patti alla chitarra. E' diventato nel tempo un disco mitologico, anche per l'ormai difficile reperibilità (è stato ristampato nel 2004 in edizione rimasterizzata da Edel, ma non è ancora entrato nel programma di riedizioni di Sony, che ha recentemente acquisito il catalogo Cramps).


Nato ad Augusta, in Sicilia, Andrea Tich venne a Milano nel 1977 per cercare una sua strada nel mondo della musica; dopo "Mastùrbati", l'album uscito a suo nome, e un raro singolo per la Polydor, "Sono Tich" / "Brutto affare", avviò una collaborazione musicale con Maurizio Marsico che ha dato frutti importanti, sia in spettacoli dal vivo, sia nell'ambito delle sonorizzazioni di film (tra cui “Stereo” di David Cronenberg) e della pubblicità; con Marsico ha realizzato, nel 1991, anche l'interessante "Milano - Città nella città", "appunti di colonna sonora per una città parziale, in soggettiva: haiku musicali per una mappa invisibile".


Nel 2010 Tich ha pubblicato per l'etichetta Snowdonia l'album "Siamo nati vegetali" e nel 2014 è uscito - per la stessa etichetta - il doppio "Cometa di sangue", un lavoro multiforme e sfaccettato che raccoglie 24 composizioni scritte fra gli anni Settanta e ieri, e si chiude con la strumentale "Il posto… (dov'è andato Claudio Rocchi?)", scritta con Maurizio Marsico.
Nel 2018 è uscito “Parlerò dentro te”, undici pezzi prodotti dall’amico e collaboratore di lunga data Claudio Panarello tra l'autunno 2017 e la primavera 2018, pubblicato su I Dischi di Plastica.


In questi giorni è uscito in digitale il nuovo album di inediti "Storia di Tich" (le versioni cd e vinile special packaging, picture disc & gadgets saranno disponibili in primavera).

In “Storia di Tich” l’alter ego Tich ripercorre la sua vita e si racconta con maturità e consapevolezza. Compagni di viaggio in questo itinerario sono la Magister Espresso Orchestra, il musicista e scrittore Alessandro Sbrogiò e il fedele collaboratore Claudio Panarello.


Guardate qui il making of di “Storia di Tich”

Tracklist:

“Viaggiare”
“Il mio acquario”
“La finestra”
“I sogni”
“Questo angolo di mondo”
“Megavita Megamore”
“Racconto in treno”
“Sotto un albero”
“Meduse in amore (il canto)”
“Pensa se noi avessimo le ali”


“Riavremo le ali” (bonus track cd version).
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.