USA, studio RIAA: l’industria musicale vale 170 miliardi di dollari

Il dato, però, fotografa uno scenario pre-Covid, quando il settore occupava due milioni e mezzo di persone nei soli Stati Uniti
USA, studio RIAA: l’industria musicale vale 170 miliardi di dollari

La Recording Industry Association of America, l’associazione di categoria che raggruppa i principali esponenti dell’industria discografica statunitense, ha commissionato uno studio alla società di ricerca Economists Incorporated riguardante l’effettivo valore del settore nell’economia americana. Stando ai risultati dell’indagine, nel 2018 il comparto contribuiva al prodotto interno lordo USA per 170 miliardi di dollari, dando lavoro a due milioni e mezzo di persone in tutto il paese.

Il dato, di per sé, può essere considerato più che soddisfacente: secondo la ricerca il valore del comparto è cresciuto in quattro anni del 14,8%, rispetto ai 148 miliardi registrati nel 2015. A beneficiarne è stato anche l’indotto, perché - stando a quanto rilevato - per ogni dollaro di entrate dirette a beneficio dell'industria musicale USA vengono generati altri 50 centesimi che vanno ad alimentare un settore adiacente. Dati ancora più aggiornati svelano come le sole esportazioni, nel 2019, abbiano riversato nel mercato americano 9,08 miliardi di dollari.

Lo studio, hanno commentato diversi osservatori locali, può senza dubbio avere una valenza politica: riferendosi a un periodo precedente alla pandemia da Covid-19 l’indagine, grazie ai dati riportati, potrebbe essere utilizzato per fare pressione sul governo statunitense per alzare in termini finanziari il livello del provvedimenti di sostegno da attivare a beneficio del comparto.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.