Grammy 2021 e Covid: no al pubblico, live registrati e show all’aperto

Emergono i primi dettagli relativi alla prossima edizione della music’s biggest night, già rimandata dal 31 gennaio scorso al 14 marzo prossimo
Grammy 2021 e Covid: no al pubblico, live registrati e show all’aperto

Proprio come Sanremo, anche i Grammy Awards - la sontuosa (e discussa) serata di gala attraverso la quale l’associazione di categoria dei discografici americani, la Recording Academy, assegna i premi alle realtà musicali più rilevanti a livello commerciale della stagione - si sono trovati a fare i conti con l’emergenza sanitaria da Covid-19 per la propria edizione 2021.

Dopo il rinvio dallo scorso 31 gennaio al prossimo 14 marzo, l’evento era sparito dai radar dei media, anche a causa della recrudescenza dei contagi in California. A riaccendere i riflettori sui progressi nell’organizzazione della Music’s Biggest Night ci ha pensato Variety, testata con sede a Los Angeles, che sfruttando i contatti cittadini, ha unito le tessere del puzzle.

La cerimonia, solitamente ospitata dal Microsoft Theater per quanto riguarda i premi minori - inclusi nel torrenziale pre-telecast - e Staples Center per la porzione di show che include le performance e l’assegnazione delle statuette più importanti, avrà luogo presso il Los Angeles Convention Center, parte dello stesso plesso che include anche in Microsoft Theater e il palazzetto “casa” dei Lakers sito in prossimità dell’intersezione tra Harbor Freeway e Santa Monica Freeway.

Harvey Mason, presidente della Recording Academy, già lo scorso 7 gennaio aveva fatto sapere di voler spostare la location della cerimonia presso il Convention Center: lo spostamento a marzo inoltrato potrebbe favorire una cerimonia all’aperto, soluzione molto più prudente, in termini di lotta ai contagi, rispetto all’ipotesi indoor.

Con temperature medie minime e massime comprese, a marzo, tra i 20 e i 15 gradi, l’ipotesi di sfruttare esclusivamente spazi en plein air, a L.A., potrebbe essere più che praticabile. Al momento la venue pare non sia stata definita: tra le opzioni sarebbero state prese in considerazione la piazza che separa il Convention Center dallo Staples Center - in modo da avere, come valore aggiunto scenografico, il palazzetto alle spalle del palco, il roof dello stesso Convention Center e la Gilbert Lindsay Plaza, dove di solito ha luogo il red carpet. Non è da escludere che tutti gli spazi candidati vengano sfruttati per le diverse fasi dello show.

Il pubblico non ci sarà. Così come successo per il prossimo Sanremo, l’ipotesi della platea è stata scartata per evidenti ragioni sanitarie. Solo una strettissima rappresentanza dei media sarà ammessa “in presenza” all’area dello show, mentre il resto della stampa dovrà accontentarsi di assistere e interagire con i protagonisti in collegamento streaming. Unica concessione alla normalità, pare, sarebbe il red carpet, con la tradizionale sfilata di artisti, personalità e presentatori.

Le esibizioni saranno in parte registrate Le performance dal vivo sono una parte irrinunciabile degli Oscar della Musica, e anche quest’anno diversi artisti terranno set in diretta a telecamere accese.

Non tutti quelli in programma, però: una parte di cantanti e band presenti nel cast registrerà la propria parte di show, in location che potrebbe essere anche esterne al perimetro individuato dagli organizzatori. Al proposito, occorre ricordare che l’organizzazione dei Grammy aveva supportato la campagna in sostegno ai live club indipendenti (che aveva portato all’approvazione della legge Save Our Stage, concretizzatasi in 10 miliardi di dollari di aiuti agli spazi di musica dal vivo): il legame potrebbe rinnovarsi con l’utilizzo di venue iconiche come il Troubadour a Los Angeles come set per le performance registrate. Presso lo stesso Troubadour, per esempio, i Foo Fighters registrarono il proprio contributo per la campagna Save Our Stage lo scorso mese di ottobre.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

Accedi alla web-app gratuita degli effettivi passaggi radiofonici delle canzoni di Sanremo in tempo reale, divisi per categorie Campioni e Nuove Proposte, calcolati da Radiomonitor su un panel di circa 367 emittenti monitorate in Italia.
© 2021 Radio Airplay powered by Rockol - riproduzione vietata.

La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.