L'Halftime Show del Superbowl: le esibizioni più belle

Dal 1990, l'intervallo della finale del football americano è un mini-concerto. E fa discutere: abbiamo scelto i migliori.
L'Halftime Show del Superbowl: le esibizioni più belle

Oggi è uno degli eventi musicali più attesi e discussi dell'anno: è l'halftime show del superbowl, il miniconcerto nell'intervallo della finale dell'NFL, il campionato di football americano. È una tradizione relativamente recente: dal '67 - anno del primo Superbowl - fino all’89 quello spazio era occupato da uno show di marching bands universitarie.

 Ma nel 1990, assieme ad un coro di bambini organizzato dalla Disney, si esibisce un gruppo: i New Kids on the Block. Due anni dopo, nel 1993 arriva Michael Jackson: è il primo di una lista di giganti che hanno reso quello spazio non solo l'evento musicale più visto dell'anno, ma anche il più spettacolare. Negli anni '90 si alternano cantanti country, star della musica latina (Gloria Estefan) e della musica black (Diana Ross), e progressivamente l'asticella si alza sempre di più. Ma non sempre funziona, perché negli anni abbiamo visto grandi show, ma anche .epic fail, dalla "Wardrobe malfunction" di Janet Jackson a trash che più trash non si può, ad artisti che, semplicemente non erano adatti per quel palco.
In attesa di quello di questa notte (toccherà a The Weeknd) abbiamo scelto i 5 migliori halftime show sia per qualità musicale che per resa spettacolare. In quest'altro articolo, invece, i 5 halftime show meno riusciti.

Lady Gaga (2017)

Forse il più bello, per come unisce una performance musicale ineccepible e lo show iperspettacolare. Trump è appena stato eletto, c'è l'indicazione di non parlare di politica, ma Gaga inizia cantando "God bless America" e "This land is your land" di Woody Guthrie, riuscendo ad mandare un messaggio di unità senza rischiare di essere bollata come anti-patriottica. Poi si lancia nel vuoto, iniziano i fuochi d'artificio, metaforici e letterali. Ma il passaggio più bello è "A million reasons", solo voce e piano: emozionante.

Prince (2007)

I primi a fare un halftime show in versione rock furono gli U2 nel 2002, con un toccante tributo alle vittime degli attentati dell'11 settembre. Poi, dopo il flop di Janet Jackson nel 2004, è iniziata una lunga sequenza con Paul McCartney (2005), i Rolling Stones (2006), Tom Petty (2008), Bruce Springsteen (2009) e gli Who (2010).

Il migliore di questa infilata fu Prince, che diede al mondo una lezione di storia del rock e di stile, partendo da una rivisitazione di "We will rock you", passando per Dylan ("All along the watchtower") e Foo Fighters ("The best of you"), Creedence Clearwater Revival ("Proud mary"). Senza dimenticare le sue "Let's go crazy" in versione chitarristica, "Baby I'm a Star" con una marching band e il trionfale finale su "Purple rain". 12 minuti che sembrano un concerto intero, un assolo dietro l'altro, con una padronanza del palco unica.

Bruce Springsteen (2009)

Come fai a condensare un concerto di 3 ore in 13 minuti? Springsteen c'è riuscito. Qualche concessione al formato: i fuochi d'artificio, un coro gospel su "Working on a dream", appena accenata per doveri promozionali (l'album era appena uscito). Ma il resto è un concentrato che va da "Tenth avenue freeze out" - la storia della formazione della E Street Band - a "Glory Days", la canzone più "sportiva" del Boss.
Springsteen ha raccontato di essere spaventato dall'evento: e infatti all'inizio, si vede bene il momento in cui si aggrappa al microfono, passa la paura, si lascia andare ed entra in trance agonistica. Dallo scritto che raccontò questa performance è nata l'autobiografia "Born to run".

Michael Jackson (1993)

L'halftime show che cambia tutto. L'anno prima la Fox aveva fatto controprogrammazione al Superbowl, che era andato in calo di ascolti, così la NBC chiamò Jackson. Risultato: 133 millioni di spettatori, uno dei momenti più visti della storia della televisione americana. Di per sé, lo show è molto semplice con una coreografia sugli spalti per "We are the world" e "Heal the world". Ma è pur sempre Jackson, il re del pop, in uno dei suoi momenti migliori. Fece capire a tutti che quello era un palco gigantesco e spinse colleghi blasonati a salirci.

Beyoncé (2013)

Un altro halftime pressoché perfetto nell'impianto spettacolare: in pochi sanno tenere il palco come Beyoncé. Dall'inquadratura iniziale in controluce, alla camminata su "Crazy in love" alla chitarra che spara fuochi d'artificio alla Kiss, alla reunion con le Destiny's Child su "Bootylicious", al finale su "Single ladies": una lezione su come si fa la musica in TV.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.