Sanremo 2021, la crisi con Amadeus: cosa sta succedendo, e perché

Come si è arrivati allo stallo alla messicana che sta paralizzando la prossima edizione del Festival della Canzone Italiana
Sanremo 2021, la crisi con Amadeus: cosa sta succedendo, e perché

La crisi che a poco più di un mese dal via sta allungando un'ombra sinista sul prossimo Festival di Sanremo è stata innescata dal tweet pubblicato dal Ministro della Cultura Dario Franceschini nella mattina di oggi, giovedì 28 gennaio: dichiarandosi contrario alla presenza di pubblico in sala - anche se composto da soli figuranti, soluzione già adottata dalle produzioni televisive che non contravviene alle disposizioni del dpcm in vigore fino al prossimo 5 marzo - al prossimo Festival della Canzone Italiana, il titolare del MiBACT si è posto in rotta di collisione frontale con Amadeus, il direttore artistico e conduttore di Sanremo 2021 favorevole alla platea “in presenza” dalla prima ora, che

nel corso di un vertice con l’agente Lucio Presta e l’ad RAI Fabrizio Salinistarebbe meditando, insieme a Fiorello, di abbandonare la conduzione della manifestazione.

Se le tre sigle rappresentanti il settore discografico si sono già attivate per la compilazione di un protocollo sanitario - suscettibile a modifiche suggerite dal CTS e prossimo alla distribuzione presso addetti ai lavori e strutture di ricezione - da adottare in occasione della prossima edizione del Festival della Canzone Italiana, tra i dirigenti delle etichette serpeggia il malcontento per l’ennesimo inciampo sulla strada a Sanremo 2021.

Dario Giovannini, direttore di Carosello e vicepresidente di PMI - Produttori Musicali Indipendenti, ha duramente criticato le affermazioni di Franceschini accusando il governo di immobilità di fronte alle problematiche connesse allo svolgimento del Festival durante l’emergenza sanitaria:

Critico è stato anche Emiliano Colasanti di 42 Records (in gara ha Colapesce e Dimartino), che ha accusato il Ministro di “avallare l’idea dei teatri come luoghi pericolosi solo per tenere a bada la pancia del Paese”:

FIMI, dal canto suo, sta cercando di abbassare i toni: in una nota pubblicata oggi sul proprio sito ufficiale la Federazione Industria Musicale Italiana - il cui ceo Enzo Mazza aveva espresso già lo scorso 18 gennaio il proprio parere favorevole a un'edizione senza pubblico - ha osservato come "questa fase complessa della cultura e degli eventi dal vivo non dovrebbe però essere quella delle polemiche all’interno del settore culturale ma quella della promozione, in modo unitario, di una forte presa di posizione per il ritorno degli eventi in totale sicurezza. La cultura è d'altronde il vaccino per la mente e in questo momento servirebbe anche questo per superare la grave situazione, anche psicologica, che pesa sull’intera popolazione".

Nei giorni scorsi il mondo dello spettacolo era stato scosso dalla polemica riguardante la presenza di pubblico in platea al teatro Ariston in occasione della manifestazione canora. In particolare è stato il settore teatrale - che fino allo scadere dell’attuale dpcm, e salvo proroghe, sarà costretto a tenere chiuse le sale - a mettersi sul piede di guerra di fronte all’eventualità che davanti al palco di Sanremo possano esserci spettatori in carne e ossa: se per la regista Emma Dante “se si decide di fare Sanremo con il pubblico si riaprono i teatri. E’ pacifico”, per la direttrice del Vascello di Roma e attrice Manuela Kustermann “se il Festival di Sanremo apre al pubblico scendiamo in piazza: ci sentiamo mortificati, dimenticati”. Molto rumore clamore ha suscitato anche l’intervento del direttore del Teatro Nazionale di Genova Davide Livermore, che in un’intervista a La Stampa ha dichiarato:

“Assisteremo a Sanremo con il pubblico in sala? Allora noi apriremo i teatri e sul palco ci sarà il nostro festival: primo concorrente Shakespeare. Davanti a Sanremo con gli spettatori dal vivo, il teatro italiano tornerà militante. (...) Noi staremo alle regole, se valgono per il Festival valgono anche per noi: riapriamo e riempiamo di comparse contrattualizzate i nostri teatri”

Il nodo delle comparse contrattualizzate è dirimente per comprendere la polemica: di fronte al rifiuto di Amadeus di condurre un festival a porte chiuse, RAI e direzione artistica hanno optato per una soluzione che, agli occhi del legislatore, trasformi l’Ariston in un teatro di posa nel quale girare uno spettacolo televisivo, per il quale - secondo le direttive date dal governo per arginare la diffusione del contagio - “non si applica il divieto previsto per gli spettacoli, perché la presenza di pubblico in studio rappresenta soltanto un elemento “coreografico” o comunque strettamente funzionale alla trasmissione”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.