Salmo: "Il rap italiano non è considerato all'estero perché non siamo originali"

L'intervento del rapper sardo sembra una risposta alle recenti affermazioni di Sfera Ebbasta sulla scena rap italiana.
Salmo: "Il rap italiano non è considerato all'estero perché non siamo originali"

Salmo, come già accaduto in passato, senza troppi peli sulla lingua, ha detto la sua attraverso alcune stories su Instagram riguardo alla percezione dell'attuale rap italiano nel mondo, in particolar modo sull'approccio dei rapper emergenti che ritiene essere più incentrato ricerca di un atteggiamento criminale credibile piuttosto che sulla ricerca di una differenziazione e quindi di una possibile innovazione musicale. "Perché il rap italiano non viene considerato all'estero? Perché non abbiamo un'identità, non siamo originali. Copiamo gli americani, i francesi e i tedeschi.

 Il suono italiano è uguale a quello degli altri. La maggior parte dei rapper italiani si lamenta perché non riesce a trovare spazio nel proprio Paese. .Questo perché passate tutto il tempo a cercare di essere criminali credibili ma la vostra musica è debole". 

Le stories di Salmo sembrano una riflessione in risposta alle recenti affermazioni di Sfera Ebbasta su Twitter, sulla crescita della scena rap italiana nei confronti di quella internazionale e alle accuse di "razzismo musicale inverso", queste ultime in risposta ad alcune dichiarazioni di Young Thug.

 È partito tutto da quel commento su un passaggio di un'intervista all'americano Young Thug, protagonista della scena trap d'oltreoceano, vincitore (tra le altre cose) di un Grammy come autore nel 2019 per "This is America", manifesto politico contro la presidenza Trump - in cui venivano passati in rassegna pure temi come il razzismo e la discriminazione, una costante nei pezzi di Young Thug, origini afro - interpretato da Childish Gambino. Nell'intervista, rilasciata dal trapper a fine dicembre al podcast ".Million Dollaz Worth of Game", Thug non le mandava a dire ai trapper bianchi europei che nei loro pezzi scimmiottano per toni, tematiche e attitudine i neri americani: "Parlano di dove sono arrivati ma in realtà hanno vissuto sempre in attici e alberghi", il commento di Young Thug, cresciuto nella periferia di Atlanta (città culla del movimento trap), in Georgia, decimo di undici fratelli e con una storia difficile alle spalle (da adolescente fu mandato in prigione minorile per quattro anni). Salvo poi aggiungere: "Conosco però anche alcuni europei che sono molto più credibili di molti rapper americani". Da lì poi sono intervenuti Sfera Ebbasta e anche Rondodasosa, innescando varie reazioni anche nel mondo rap. 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.