La rivale di TikTok si prepara a una IPO da $5,4 miliardi

Le short video apps sono decisamente una cosa cinese: Kuaishou, supportata da Tencent, potrebbe battere record di quotazione
La rivale di TikTok si prepara a una IPO da $5,4 miliardi

Secondo una ricostruzione pubblicata da Bloomberg, la app dedicata allo short video sharing Kuaishou – proprietà di Kuaishou Technology e diretta concorrente di Douyin, la “sorella” di TikTok e proprietà di ByteDance – potrebbe raccogliere la cifra-monstre di 5,4 miliardi di dollari nella sua IPO (Initial Public Offering): il titolo inizierà a flottare sulla borsa di Hong Kong dal prossimo 5 febbraio.

Dietro al successo di Kuaishou non fa nulla per celarsi il noto supporto da parte di Tencent, che nel processo di IPO è affiancata da China Renaissance Holdings Ltd. nel ruolo di advisor.

Il creatore di Kuaishou, che a settembre dichiarava 262 milioni di utenti unici quotidiani contro i 600 milioni di Douyin - si chiama Su Hua. Ex ingegnere di Facebook, trentottenne, ha fatto debuttare sul mercato la sua creatura technologica nel 2013. La sua dichiarazione d’intenti non è particolarmente timida:

“Cercheremo di utilizzare gli short video ed il live-streaming, entrambi basati sulla relazione fan-host, per trasformare un’industria dopo l’altra. E’ la forza trainante della nostra crescita futura”.

Per la cronaca, la più recente valutazione di ByteDance – meno presente nei reportage politico-finanziari dopo la fine della presidenza Trump – ammonta a circa 180 miliardi di dollari.

Tencent detiene una quota pari al 21,6% del capitale di Kuaishou. China Renaissance, insieme a Morgan Stanley e a Bank of America, ha già aggregato 10 super-investitori pre-Ipo, tra cui Black Rock.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.