Una fan ha chiesto a Nick Cave: “Vale la pena fare arte di merda?”. Ecco la sua risposta

“Tutta l'arte è perfettamente imperfetta”, afferma il cantautore australiano nel suo più recente appuntamento con “The Red Hand Files”
Una fan ha chiesto a Nick Cave: “Vale la pena fare arte di merda?”. Ecco la sua risposta

“Questo mondo è una merda”, ha affermato Tom da Chicago in un messaggio condiviso sul sito di Nick Cave, attraverso il quale il cantautore australiano raccoglie domande e pensieri dei suoi fan e risponde loro offrendo personali punti di vista o opinioni. Leah da Ypsilanti (Michigan), invece, ha posto al 63enne artista il seguente quesito: “Vale la pena fare arte di merda?”

In uno dei suoi recenti Red Hand Files, il frontman dei Bad Seeds ha ripreso l’affermazione di Tom e, dopo aver citato le parole con cui si apre la Bibbia - “In principio Dio creò il cielo e la terra” - ha scritto: “La storia ci dice che Dio pensava che la Sua creazione fosse ‘molto buona’. Devo dire che sono molto d’accordo: il mondo non è solo eccellente, è perfetto - così del tutto perfetto che ha la capacità di contenere cose profondamente imperfette. È un capolavoro piegato attorno a un difetto essenziale ed energizzante: la nostra umanità”.

Nel rispondere poi alla domanda postagli da Leah, il 63enne artista australiano ha affermato: “Per quanto riguarda l'arte di merda, tutta l'arte è perfettamente imperfetta - come il mondo stesso - e per alcuni versi i giudizi di valore sull'arte sono in gran parte soggettivi e fuori luogo”.

Spiegando cosa significa per lui “creare arte”, Nick Cave ha aggiunto:

“Creare arte significa far crescere il mondo e aumentare la sua portata, e ha più a che fare con l'atto stesso della creazione che con ciò che è effettivamente fatto. Tutto ciò che ci anima creativamente in modo positivo - che si tratti di un imponente progetto di una grande meraviglia architettonica o del Big Bang disegnato da un bambino - è una rievocazione della storia della creazione originale. Che ce ne rendiamo conto o no, fare arte è un incontro religioso poiché sono i nostri tentativi di crescere oltre noi stessi che energizzano l'anima dell’universo”.

Il cantautore - che poche settimane fa, rispondendo a una fan e raccontando il suo lockdown proprio attraverso il suo sito, ha rivelato di essersi recato in studio insieme a Warren Ellis per fare un disco intitolato “Carnage" - nel suo ultimo appuntamento con “The Red Hand Files” ha successivamente raccontato:  “Sto tornando dal lavoro, riflettendo sulle vostre domande.

È tardi e la notte è buia e umida e le strade deserte brillano sotto la pioggia. La Chiesa di St. Mary Abbot si erge davanti a me, vuota e inquietante, con la sua guglia illuminata che si protende verso il cielo”. Ha poi concluso: “C’è uno spazio insistente e amorevole tra tutte le cose ed è improvvisamente un momento perfetto; un momento perfetto annidato in una catastrofe umana condivisa, ma perfetto lo stesso”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.