Sanremo 2021, AFI chiede un protocollo di sicurezza

L’Associazione Fonografici Italiani si appella al ministro Speranza: ‘Per il Festival le regole non valgono?’
Sanremo 2021, AFI chiede un protocollo di sicurezza

AFI, l’Associazione Fonografici Italiani, ha formalmente domandato alle istituzioni un protocollo perché la prossima edizione del Festival di Sanremo - confermata tra i prossimi 2 e 6 marzo - possa svolgersi in sicurezza: “Chiediamo al ministro Speranza e al Comitato Tecnico Scientifico di intervenire quanto prima per definire le linee guida necessarie a garantire la sicurezza sanitaria del Festival di Sanremo”, ha spiegato in una nota il presidente di AFI Sergio Cerruti, “La scelta di confermare la kermesse per il prossimo mese di marzo, senza un chiaro protocollo, è eticamente sbagliata. Non si può rischiare con la salute delle persone”.

“Con una pandemia di questa portata sarebbe stato opportuno posticipare il Festival nei mesi estivi o a settembre, in considerazione del fatto che non sono state ancora individuate le procedure per garantire la salute di tutti gli artisti, degli operatori e del pubblico in sala”, ha proseguito Cerruti: “Che cosa succederebbe se un cantante si dovesse ammalare? Chi ne risponde? La Rai è un servizio pubblico e non può avere autonomia di scelta su una manifestazione come il Festival, durante una pandemia che, a marzo, non sarà finita, anzi già si teme la terza ondata”.

“Si pensi poi che lo spettacolo si terrà all’interno dell’Ariston, che è un teatro, non si capisce perché dovrebbe far eccezione rispetto alle regole previste a livello nazionale”, ha concluso il presidente di AFI: “Se è vero che il CTS può intervenire esclusivamente previa richiesta del Ministro, chiediamo a quest’ultimo di pronunciarsi quanto prima per definire delle regole certe”.

La richiesta dell’Associazione Fonografici Italiani è da inquadrare in un’azione congiunta delle tre principali associazioni di categoria discografiche italiane - FIMI, PMI e la stessa AFI - mirata a ottenere dal Ministro della Salute Roberto Speranza, dal Commissario Straordinario per l’emergenza COVID-19 Domenico Arcuri e all’Amministratore Delegato RAI Fabrizio Salini risposte in merito alle procedure di sicurezza da applicare per l’organizzazione dell’edizione 2021 del Festival della Canzone Italiana.

Una presa di posizione analoga era già stata espressa a Rockol lo scorso 8 gennaio dal ceo di FIMI Enzo Mazza, che aveva lamentato la mancanza di un progetto volto alla messa in sicurezza di artisti e maestranze che saranno coinvolte nella prossima edizione della manifestazione.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.