TicketOne, da AGCM multa da 10 milioni di euro per abuso di posizione dominante

L’antitrust torna a mettere nel mirino la controllata di CTS attiva nel mercato primario della vendita online di biglietti
TicketOne, da AGCM multa da 10 milioni di euro per abuso di posizione dominante

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha comminato a TicketOne una sanzione pari a 10 milioni di euro per abuso di posizione dominante: secondo una nota diffusa oggi dall’AGCM, la controllata della multinazionale tedesca CTS Eventim avrebbe “violato l’articolo 102 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione europea”, attuando “una complessa strategia abusiva di carattere escludente che ha precluso agli operatori di ticketing concorrenti la possibilità di vendere, con qualsiasi modalità e tramite qualsiasi canale, una quota particolarmente elevata di biglietti per eventi live di musica leggera”.

Secondo l’antitrust italiana “la strategia attuata da TicketOne si articola in una serie di condotte, attuate almeno dal 2013 e ancora in corso, che consistono nella stipula di contratti di esclusiva con i produttori e gli organizzatori di eventi live di musica leggera, nelle acquisizioni dei promoter nazionali Di and Gi S.r.l., Friends & Partners S.p.A., Vertigo S.r.l. e Vivo Concerti S.r.l., nell’imposizione dell’esclusiva sui promoter locali, nella stipula di accordi commerciali con gli operatori di ticketing di dimensione minore o locale e nei comportamenti di ritorsione e boycott nei confronti del gruppo Zed, anche per escludere dal mercato rilevante Ticketmaster, un nuovo operatore di ticketing”, quest’ultimo controllato da Live Nation.

La società di ticketing guidata dall’ad Stefano Lionetti, in una nota ufficiale, ha respinto le accuse: “Ticketone respinge fermamente le affermazioni contenute nel provvedimento dell’Agcm secondo cui la società avrebbe messo in atto un abuso di posizione dominante”, si legge nel comunicato diffuso contestualmente all’annuncio della sanzione, “L’Autorità ha preso una decisione manifestamente inappropriata, basata su una definizione del mercato rilevante errata e in violazione di norme imprescindibili in materia. Ticketone si appellerà al tribunale amministrativo competente ed è fiduciosa, anche alla luce della precedente giurisprudenza sulle decisioni dell’Agcm, che anche questo provvedimento sarà revocato dal Tar”.

Il precedente al quale si fa riferimento nella replica risale al 2018, quando il Tribunale Amministrativo del Lazio annullò una sanzione da un milione di euro inflitta a TicketOne da AGCM un anno prima per presunte leggerezze nel contrasto del fenomeno del secondary ticketing. Il riferimento al gruppo Zed nella nota odierna dell’AGCM fa invece riferimento a una vicenda riferita nel 2019 dal programma televisivo Striscia la Notizia: TicketOne, negando ogni addebito, fece sapere di volersi tutelare per vie legali parlando del servizio della trasmissione di Antonio Ricci come latore di “una versione errata, fuorviante e diffamatoria delle attività̀ commerciali svolte da TicketOne e dai promoter citati”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.