System of a Down: ‘Finché siamo dalla stessa parte possiamo continuare a fare musica’. Video

Serj Tankian e Shavo Odadjian raccontano i brani ‘Protect the Land’ e ‘Genocidal Humanoidz’ e parlano del futuro della band di ‘Toxicity’
System of a Down: ‘Finché siamo dalla stessa parte possiamo continuare a fare musica’. Video

Lo scorso 6 novembre i System of a Down hanno sorpreso i propri fan interrompendo un silenzio discografico che durava da 15 anni, ovvero dall’uscita del dittico composto da "Mezmerize" e "Hypnotize" del 2005, pubblicando i brani "Protect the Land" e "Genocidal Humanoidz” per raccogliere fondi a favore della popolazione armena a seguito del conflitto tra Armenia e Azerbaigian sulla regione contesa dell’Artsakh. 

Recentemente intervistati da Zane Lowe per Apple Music, Serj Tankian e Shavo Odadjian hanno raccontato come sono nate le due canzoni che hanno segnato il ritorno della formazione di origini armene, spiegando che “è stato davvero fantastico” per i componenti della band di “Toxicity” lavorare di nuovo insieme, e hanno parlato della possibilità di ascoltare altra nuova musica dei SOAD in futuro.

A proposito dei più recenti brani dei System of a Down, Tankian ha detto: “Ovviamente abbiamo canzoni che non sono necessariamente sociopolitiche, ma anche divertenti, ogni genere di cosa. Credo che quando lo abbiamo fatto lo abbiamo fatto bene”. Ha aggiunto: "Questa volta siamo stati eccezionali in questo senso, non per lodarci o qualcosa del genere. Il fatto che abbiamo usato la musica come un’arma, senza rimorsi, è così che dovrebbe essere. Sono davvero orgoglioso di quello che abbiamo fatto. È stato davvero fantastico”.

ll frontman della formazione di “Chop Suey!” - che nel corso del 2020 ha più volte spiegato perché, prima dell’uscita di “Protect the Land” e “Genocidal Humanoidz”, in 15 anni non ha presentato materiale inedito insieme al suo gruppo - parlando del futuro della band ha dichiarato:

“Il futuro è un mistero. Vedremo cosa accadrà. Le vibrazioni sono molto positive. Finché siamo dalla stessa parte, possiamo continuare a fare musica, se siamo sulla stessa lunghezza d’onda”.

A margine della chiacchierata con Zane Lowe, Shavo Odadjian ha - tra le altre cose - narrato che non avrebbe mai voluto che i System of a Down si prendessero una pausa tra il 2006 e il 2011 e che spera che non riaccada di nuovo in futuro. Odadjian ha spiegato: “Anche quando ci siamo sciolti per un po' verso il 2006, sono sempre stato un supporter della band”. Ha continuato: “Sono sempre per l'idea che dovremmo continuare per sempre. Non chiameremo mai una fine. Mi rifiuterò. Non mi interessa. Mi rifiuterò se qualcun altro lo farà. Fino a quanto saremo tutti in vita saremo un gruppo”.

Sulla possibilità che i System of a Down, dopo i due singoli dello scorso novembre, tornino nuovamente in studio di registrazione per lavorare su nuova musica, il bassista della formazione di origini armene ha fatto sapere: “Affinché possa accadere per bene com’è stato in passato e come potrebbe essere in futuro, dobbiamo essere tutti sulla stessa lunghezza d’onda, ed essere contenti e soddisfatti di ciò che stiamo facendo. Se uno di noi non lo fosse, significherebbe che non è la cosa giusta da fare. Questo è il fattore decisivo”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.