Foo Fighters: esce "Waiting On A War" e Dave Grohl ne spiega il significato

E' il terzo singolo tratto dal prossimo album "Medicine At Midnight".
Foo Fighters: esce "Waiting On A War" e Dave Grohl ne spiega il significato

I Foo Fighters hanno pubblicato un singolo, "Waiting On A War", tratto dal decimo album in studio della band statunitense, "Medicine At Midnight", che uscirà il prossimo 5 febbraio.

Il frontman dei Foo Fighters Dave Grohl – che oggi compie 52 anni - ha condiviso sui social network della band alcune parole sul significato della canzone. "Da bambino, cresciuto nei sobborghi di Washington DC, avevo sempre paura della guerra. Avevo incubi di missili in cielo e soldati nel mio cortile, molto probabilmente erano causati dalla tensione politica dei primi anni '80 e dalla mia vicinanza al Campidoglio della nazione."

Grohl in precedenza aveva rivelato all'NME come quegli "incubi di missili in cielo e soldati nel mio cortile" fossero tornati quando la figlia gli chiese, nel 2019, se gli Stati Uniti fossero sull'orlo di una guerra nucleare con la Corea del Nord.

"Stavo portando mia figlia a scuola ed era più o meno il periodo in cui stavano aumentando le tensioni tra gli Stati Uniti e la Corea del Nord e lei lo aveva visto nei notiziari. Mi ha chiesto, 'Papà, andiamo in guerra?' Mi ha ricordato come mi sentivo quando avevo la sua età, e ho pensato, 'Che cazzo di rottura!'. Quanto è deprimente che l'infanzia possa essere privata di quella bellezza e innocenza da questa oscura sensazione di paura? Ecco di cosa parla "Waiting On A War"".

Prima di "Waiting On A War", dal nuovo album "Medicine At Midnight", i Foo Fighters avevano già pubblicato i singoli "Shame Shame" e "No Son Of Mine".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.