Beach Slang, James Alex ricoverato dopo un tentato suicidio (e le accuse di abusi)

Lo comunica la famiglia. Ecco cosa è successo…
Beach Slang, James Alex ricoverato dopo un tentato suicidio (e le accuse di abusi)

Il leader e frontman degli ormai disciolti Beach Slang James Alex (nella foto) - accusato lo scorso 5 gennaio dalla sua ex manager Charlie Lowe di abusi psicologici - è stato ricoverato in una struttura ospedaliera dopo aver tentato di togliersi la vita: a farlo sapere è la famiglia dell’artista per mezzo di un post pubblicato sul canale Instagram ufficiale del gruppo di Filadelfia.

“James non è perfetto, e non ha mai sostenuto di esserlo”, si legge nella nota ufficiale: “Ha avuto momenti di compulsività, instabilità emotiva e relazioni caotiche, ma nessuna delle sue azioni era intenzionale o intesa a ferire o danneggiare qualcuno. Queste cose sono state uno sfortunato risultato di inimmaginabili traumi infantili, violenti abusi fisici, sessuali ed emotivi e anni di gravi problemi di salute mentale trascurati”.

"James stava iniziando una terapia prima che gli venissero mosse queste accuse", prosegue il messaggio: "Ora è in una struttura ospedaliera dopo aver tentato di togliersi la vita. Sta ricevendo l'aiuto di cui ha bisogno e sarà messo sulla buona strada per la guarigione".

Alex, al quale sono stati diagnosticati "disturbo bipolare, schizofrenia paranoide e disturbo borderline della personalità", non tornerà a occuparsi del suo progetto: “I Beach Slang sono finiti (...) e James non ha intenzione di tornare alla musica", conclude con una nota di amarezza il comunicato: "Vorrebbe solo l'opportunità di perdono, compassione e comprensione o, in caso contrario, di essere dimenticato in modo che tutte le persone coinvolte possano andare avanti in pace con le loro vite”.

“Ho sopportato per anni costanti abusi emotivi e psicologici da parte di James Alex”, ha accusato la Lowe lo scorso 5 gennaio sul proprio canale personale Twitter: “Ho compreso come riesca a vendere la sua immagine di persona fin troppo gentile per autentica per nascondere la persona orribile e più egoista che abbia mai incontrato che è davvero. Per causa sua mi è stato diagnosticato un disturbo da stress post-traumatico. Quindi che vada affanculo. Fanculo alla sua personalità musicale finta. Fanculo alla sua finta gentilezza. Fanculo a lui per avermi usato quasi ogni giorno. Fanculo a lui per le mie spese di terapia e farmaci. Fanculo a lui per avermi allontanato da tutti quelli che amo”.

I Beach Slang hanno pubblicato nel corso della propria carriera quattro album: dopo il debutto con “The Things We Do to Find People Who Feel Like Us” nel 2015 il gruppo ha spedito sui mercati “A Loud Bash of Teenage Feelings” nel 2016 e “Everything Matters But No One Is Listening” nel 2018. L’ultimo album della formazione, “The Deadbeat Bang of Heartbreak City”, è stato pubblicato esattamente un anno fa, il 10 gennaio del 2020.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.