Rockol Awards 2021 - Vota!

Paul McCartney: "Parlo con George Harrison attraverso un albero"

Macca racconta di essere ancora in contatto con l'ex compagno di band. In un modo strano.
Paul McCartney: "Parlo con George Harrison attraverso un albero"

Paul McCartney è ancora in contatto con l'ex compagno di band George Harrison, il leggendario chitarrista dei Beatles, scomparso nel novembre del 2001 all'età di 58 anni dopo una lunga battaglia contro il cancro. Macca è un medium? Non esattamente. Il vero canale di comunicazione sarebbe un altro: un albero.

Il baronetto lo ha raccontato in una recente intervista ai microfoni dell'emittente radiofonica statunitense NPR nel bel mezzo della promozione del suo ultimo album in studio, "McCartney III", arrivato nei negozi - e sulle piattaforme di streaming - lo scorso 18 dicembre. Il cantautore ha fatto sapere di poter in qualche modo ancora comunicare con Harrison attraverso un albero piantato proprio all'ingresso della propria abitazione, che gli fu regalato proprio dal chitarrista: lo spirito di George sarebbe entrato all'interno di quell'albero dopo la sua morte, per continuare a restare in contatto con Paul.

"George, per me, è entrato in quell'albero. Era davvero un bravo giardiniere e un giorno mi regalò un alberello. Oggi è un grande abete, si trova proprio vicino al cancello di casa mia. Quando scendo dalla macchina e chiudo il cancello, guardo l'albero e dico: 'Ciao George'. Loro (i defunti, ndr) sono sempre presenti e questo è un modo per comunicarmelo".

Paul McCartney e George Harrison si conobbero ancor prima della nascita dei Beatles.

Erano compagni di scuola quando Paul lo presentò a John Lennon, che aveva da poco fondato il gruppo dei Quarrymen. McCartney fu scelto da Harrison come suo testimone di nozze, quando nel '66 sposò Pattie Boyd. Si allontanarono parecchio dopo lo scioglimento dei Beatles: tornarono a collaborare insieme nel '94, in occasione delle lavorazioni di "Beatles Anthology". Dopo la scomparsa di Harrison, McCartney ha omaggiato più volte la loro amicizia in pubblico. Nel 2002 fu tra gli ospiti di Concert for George, il concerto-tributo organizzato dalla moglie Olivia e da Eric Clapton alla Royal Albert Hall di Londra, insieme a Ringo Starr, Tom Petty, Jeff Lynne, Ravi Shankar e il figlio Dhani. In quell'occasione suonò assieme allo stesso Clapton - tra le altre - anche "Something", composta da Harrison e inclusa dai Beatles in "Abbey Road".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.