Ticketmaster, multa da 10 milioni di dollari nelle casse di WMG

La conglomerata del ticketing aveva violato l'accesso ai sistemi di Songkick
Ticketmaster, multa da 10 milioni di dollari nelle casse di WMG

Ticketmaster, sussidiaria del gruppo Live Nation e leader mondiale del ticketing musicale e non, è stata condannata dal procuratore americano Seth DuCharme a pagare una multa di 10 milioni di dollari per avere ripetutamente violato l'accesso privato ai sistemi e ai computer di Songkick, ex startup focalizzata su eventi live e commissioni sulle vendite di biglietti. Le violazioni sarebbero avvenute tra il 2013 e il 2015.

A beneficiare del denaro sarà Warner Music Group, che nel 2017 acquistò poi britannica Songkick, la quale a sua volta un paio di anni prima si era fusa con l'americana CrowdSurge, altro servizio di pre-vendita che era stato in effetti l'obiettivo principale del comportamento illecito degli impiegati di Ticketmaster, impegnati a stroncarne la concorrenza.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.