Pirateria discografica, l'IFPI suona l'allarme in Spagna

Pirateria discografica, l'IFPI suona l'allarme in Spagna
Non è stata casuale la scelta di Madrid come città in cui presentare i risultati del quinto rapporto IFPI sulla pirateria, da cui risulta confermato che un Cd su tre venduti oggi nel mondo è di origine illegale (i dischetti contraffatti in circolazione ammontano a 1,2 miliardi di unità per un valore commerciale di 4,6 miliardi di dollari). “Una volta la Spagna era la patria di un mercato legale e in salute, rinomato per la qualità dei suoi artisti e per il successo della sua industria musicale. Oggi è il paese europeo con i più gravi problemi di pirateria e la necessità di interventi urgenti”, ha sottolineato il presidente della federazione internazionale dei discografici, l’irlandese John Kennedy.
Il numero uno dell’IFPI ha difeso i risultati conseguiti dall’industria grazie all'intensificazione delle attività di prevenzione e di repressione (nel 2004 il tasso di crescita del mercato illegale è stato il più basso in quattro anni, mentre i sequestri di apparecchiature per masterizzare i Cd sono raddoppiate rispetto ai dodici mesi precedenti), ma ha ribadito la pericolosità sociale ed economica di un fenomeno che “distrugge posti di lavoro, uccide gli investimenti e finanzia il crimine organizzato”. La Spagna è, appunto, uno dei paesi sotto più stretta osservazione a causa della produzione e del consumo su larga scala di Cd pirata, insieme a paesi come Cina, Brasile, Russia, Ucraina e Paraguay (dove è falso addirittura il 99 % dei prodotti discografici in circolazione).
In 31 paesi al mondo, nel 2004, le vendite di Cd pirata hanno superato quelle di prodotti legali; l'Italia è uscita dalla lista nera dei primi dieci produttori ma resta, secondo le fonti locali, a livelli consistenti di pirateria (25 %) con una situazione particolarmente grave in regioni come la Sicilia, la Campania e l'Emilia Romagna.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.