Sanremo 2021, Amadeus: "La nave? Idea bellissima. Gli italiani vogliono il Festival"

Il conduttore conferma il progetto e spiega perché sarebbe una soluzione valida per permettere lo svolgimento del Festival.
Sanremo 2021, Amadeus: "La nave? Idea bellissima. Gli italiani vogliono il Festival"

"Il progetto della nave per Sanremo 2021? Un'idea bellissima che mette in sicurezza le 500 persone che saranno al Teatro Ariston. Fare Sanremo senza pubblico significherebbe fare un Sanremo in lockdown e passerebbe alla storia così: questo non può accadere. Sanremo è un grande evento che gli italiani vogliono, è una tradizione": lo ha detto Amadeus, confermando il progetto alla base della partnership tra Rai e Costa Crociere per permettere al Festival di Sanremo 2021, in programma dal 2 al 6 marzo, di svolgersi a pieno regime o comunque con la presenza di pubblico all'Ariston. 

Il conduttore e direttore artistico della manifestazione questa mattina è intervenuto alla conferenza stampa di presentazione di "L'anno che verrà", la prima serata di Rai1 per il Capodanno, che il 31 dicembre lo vedrà condividere il palco con Gianni Morandi. In collegamento dagli studi Fabrizio Frizzi di Roma, Amadeus è tornato sulla questione della nave - che già ha sollevato polemiche - e ha anche confermato la presenza nel cast di Sanremo 2021 di Achille Lauro ed Elodie, il primo come ospite fisso, l'altra come co-conduttrice. A proposito del progetto, che vedrebbe la nota compagnia di navigazione mettere a disposizione dell'organizzazione del Festival una "Smeralda", in cambio di un'adeguata pubblicizzazione, Amadeus ha detto:

"La nave è una bolla che permetterebbe alle persone che saranno presenti all'Ariston di assistere in sicurezza alle serate e poi tornare sulla nave, sempre in sicurezza, per tutti e cinque i giorni".

Ma chi sarebbero queste 500 persone? Il conduttore ha risposto:

"Non sappiamo ancora chi saranno queste 500 persone. Certo è che quelle 500 persone avrammo la fortuna e la possibilità di coronare un sogno: tutti vogliono essere all'Ariston per asisstere a Sanremo, a volte si prenotano addirittura un anno prima".

Quanto all'organizzazione e alla sicurezza, Amadeus ha spiegato:

"La musica in un luogo vuoto non è fattibile. Dobbiamo essere bravissimi a mettere in sicurezza tutta l'area che ospita da tradizione il Festival. Va riorganizzata, cominciando dalla sala stampa: non può svolgersi in quel luogo, in quella maniera, con quel tipo di assembramento. Stiamo lavorando. Sanremo 2021 dovrà aiutare tutta la popolazione a rinascere, non solo la comunità musicale. Sarà un Festival più grande rispetto all'anno scorso".

Bisognerà però convincere il sindaco di Sanremo, Alberto Biancheri, che ha fatto filtrare negli scorsi giorni il malcontento per una soluzione che porterebbe al centro dell'attenzione non la città, ma la nave ancorata al porto, con ricadute su turismo e commercio:

"Il cast, i giornalisti e anche io, occuperemo invece tutti gli alberghi di Sanremo. Gli alberghi si stanno già organizzando". 

Il direttore di Rai1 Stefano Coletta ha aggiunto, restando sempre in tema sicurezza:

"Le ipotesi e le idee hanno bisogno di essere serbate, fino a ufficializzazioni. Altirmenti ogni elemento può essere distrattivo. Stiamo lavorando alacremente perché il Festival sia realizzato dal 2 al 6 marzo, attenendoci a tutte le procedure, sanitarie e non".

Il direttore della rete ammiraglia e Amadeus hanno fatto poi sapere di confrontarsi continuamente con esperti:

"Mai pensato ad una situazione drammatica. Anzi, gli esperti ci dicono che stando molto attenti si andrà verso un miglioramento".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.