Grammy 2021, Fiona Apple invita al boicottaggio

L’artista, candidata con altre cinque colleghe nella categoria ‘best rock performance’, condanna la nomination a Dr. Luke al titolo ‘Record of the Year’
Grammy 2021, Fiona Apple invita al boicottaggio

Non cessano di levarsi voci critiche nei confronti dei Grammy Awards, la manifestazione organizzata dalla Recording Academy che il prossimo 31 gennaio giungerà alla propria sessantatreesima edizione. Dopo le accuse di The Weeknd e Halsey è stata Fiona Apple, candidata per il 2021 nelle categorie Best Rock Performance, Best Rock Song e Best Alternative Music Album, a muovere critiche pesantissime ai massimi riconoscimenti assegnati dall’industria discografica statunitense.

Nel corso di un’intervista rilasciata al Guardian, la cantautrice newyorchese ha condannato la presenza nelle nomination della categoria regina dell’evento, quella riservata al Record of the Year - che premia non l’interprete ma il team responsabile della produzione della canzone vincitrice, di Lukasz Sebastian Gottwald, meglio conosciuto come Dr. Luke: il producer, oggi attivo come Tyson Trax dopo la lunga battaglia legale seguita alle accuse di violenza sessuale avanzate nei suoi confronti da Kesha, è infatti in lizza insieme a Mike Bozzi per la produzione del singolo di Doja Cat “Say So”.

Dal punto di vista processuale, Gottwald è stato prosciolto da tutte le accuse rivoltegli, tanto da essere ancora coinvolto in una causa - intentata dallo stesso produttore alla sua accusatrice ed ex collaboratrice - per diffamazione e violazione di termini contrattuali.

Tuttavia l’eco della vicenda ebbe un sensibile contraccolpo sulla sua immagine pubblica, tanto da portarlo a cambiare nome e tenere un profilo decisamente più bassi rispetto al passato. Al deflagrare dello scandalo la comunità musicale - compresa la discografia americana - diede ampio spazio alle istanze della cantante, che proprio ai Grammy 2018 fu invitata a eseguire, insieme alle colleghe Camila Cabello, Cyndi Lauper, Julia Michaels, Andra Day e Bebe Rexha, il brano "Praying", che in molti ritengono direttamente collegato alla dolorosa vicenda che la videro coinvolta.

L’essere in lizza con sole donne al titolo di Best Rock Performance - oltre alla Apple, sono state nominate le HAIM, Brittany Howard, Phoebe Bridgers, Grace Potter e i Big Thief, capitanati da Adrianne Lenker - alla voce di “When the Pawn…” pareva l’occasione perfetta per celebrare la nuova sensibilità nei confronti del gender balance che sta permeando la società e le istituzioni americane, ma la presenza di Gottwald nell’elenco dei nominati ha rovinato tutto. “Mi sono sentita come se stessi facendo esattamente quello che volevano loro”, ha spiegato la Apple: “Adesso sì che va bene! Sono stata nominata! Siamo quasi tutte donne quest’anno: i Grammy sono grandi. Mi ricordo quando avevano spedito Kesha sul palco dicendole ‘ti crediamo’ - e io le credo - e poi, due anni dopo, ecco quel cazzo di Tyson Trax”.

“Non voglio tornare sui miei passi, ma è una stronzata”, ha aggiunto l’artista: “Volevo davvero festeggiare con le mie colleghe, e voglio avere comunque quell’atteggiamento. Non so se qualcun altro che è stato nominato possa darmi una mano si questo: cosa farei nel caso dovessi vincere? La mia prima idea è che sarei salita sul palco con una mazza, senza dire nulla, e avrei sfasciato il premio in abbastanza pezzi da darne alle mie colleghe nominate. La seconda è stata chiedermi se potessi convincere tutte questa signore a boicottare questa merdata a causa di Dr. Luke”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.