FIMI: ‘Soddisfatti per l’estensione del tax credit’

La Federazione Industria Musicale Italiana si esprime sul DL Ristori approvato ieri, martedì 16 dicembre
FIMI: ‘Soddisfatti per l’estensione del tax credit’

L’approvazione del Decreto Ristori che ha esteso il tax credit per la discografia da 200mila euro nel triennio a 800mila dal 2021 ha accolto i favori di FIMI. “Siamo molto soddisfatti del risultato raggiunto quest’anno sul fronte delle misure per il sostegno alla produzione discografica”, ha fatto sapere per mezzo di una nota ufficiale Enzo Mazza, ceo della Federazione Industria Musicale Italiana, che ha aggiunto: “[Quella approvata] E’ una misura particolarmente importante per garantire la continuità della produzione discografica italiana nel post pandemia, e sono certo che le aziende riceveranno importanti benefici dalla revisione di questo provvedimento fiscale, ottenuto grazie al lavoro di maggioranza e opposizione oltre al contributo del Mibact e del MEF”.

Come ha spiegato la stessa FIMI, il tax credit musicale - introdotto in Italia con l’articolo 7 del dl 8 agosto 2013, n. 91, convertito dalla legge 7 ottobre 2013, n. 12 - è basato sul modello francese: prevede un credito d’imposta nella misura del 30% dei costi sostenuti per attività di sviluppo, produzione, digitalizzazione e promozione di registrazioni fonografiche o videografiche musicali. Con le modifiche apportate nel 2020, prima dal decreto di agosto e poi dall’ultimo DL Ristori, sono stati eliminati i limiti delle tre opere e il tetto dei 200 mila euro a triennio che limitava la portata degli investimenti possibili da parte delle case discografiche. Inoltre, il limite di spesa complessivo è stato elevato da 4,5 milioni a 5 milioni di euro.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.