Il concerto di Natale di Vinicio Capossela

Il cantautore irpino rinnova l'appuntamento natalizio dal vivo anche per il 2020. Appuntamento virtuale, naturalmente.
Il concerto di Natale di Vinicio Capossela

Nonostante le ben note difficoltà legate alla diffusione del coronavirus anche per il 2020, Vinicio Capossela ha deciso di tenere viva la tradizione del Natale al Fuori Orario, il locale a Taneto di Gattatico, in provincia di Reggio Emilia, con il vagone dentro e il treno fuori, e di esibirsi in un concerto “virtuale” al tempo del coprifocolare, visibile on demand dalle ore 22.30 del 25 dicembre fino a tutto il 6 gennaio. Per acquistare i biglietti clicca qui.

Questo il messaggio alla popolazione del cantautore di origine irpina che oggi compie 55 anni:

"Per dirla con Marx, in questi giorni uno spettro si aggira per l’Europa: lo spettro dello spirito delle Feste.

Temutissimo nell’epoca in cui per manifestare il proprio amore per qualcuno la prova più grande è stargli lontano. Lo spirito delle Feste è per natura comunitario. Spinge a cose proibite come gli abbracci, la vicinanza, la compagnia. Compagno viene da cum panis, dividersi il pane, attività massimamente virulenta. Da qualche mese ci siamo abituati a una parola riservata ad esperienze belliche o di regime totalitario: coprifuoco. Per quanto la parola evochi immediatamente il suono delle sirene antiaeree, ha in realtà una origine molto più domestica. Il fuoco da coprire infatti era quello di casa, il fuoco del focolare. Coprirlo in un certo senso è anche custodirlo, fare in modo che non segnali la nostra presenza, ma allo stesso tempo tenerne vivo il calore, per mantenerci in vita. Da vent’anni il nostro modo di celebrare lo spirito delle Feste è stato quello di organizzare concerti in un locale nella pianura, affacciato alla ferrovia. Il suo nome, Fuori Orario, in quelle occasioni sembrava quasi alludere a un tempo fuori dal tempo. Un tempo a parte, il tempo della festa, che apre una specie di crepa nel compatto tempo dell’utile, del consumo e della produzione. Ogni Festa ha un elemento rituale, la ritualità è garantita dalla ripetizione. Questa ritualità ha creato una specie di tradizione, che come ogni altra in questa fase del nostro vivere associato dovrà subire una trasformazione. La coda dell’anno è da sempre il tempo del passaggio, le dodici notti tra Natale e Epifania, un non tempo in cui la rigida separazione tra mondo Reale e mondo della Verità, come lo chiamavano un tempo, si allenta. Al mondo della Verità, si accedeva spesso in una condizione estatica, in cui l’esperienza avveniva non nel corpo, ma nello spirito. Si partecipava a raduni sabbatici, ci si spogliava della natura umana, si combatteva in estasi per assicurare la fertilità della terra, come nel bellissimo studio di Carlo Ginzbourg sui Benandanti friulani. L’esperienza, pure intensissima, avveniva mentre il corpo restava fermo tra le mura domestiche, in posizione di riposo. Lo spirito letteralmente volava altrove, come in una caccia selvaggia tra i cieli delle 12 notti che culminano con l’Epifania, che significa apparizione, passaggio. Tutte le ritualità del fine anno hanno a che vedere con la resurrezione della luce, dopo l’apogeo del solstizio d’inverno. Il nostro concerto ai tempi del coprifocolare vorrebbe essere un po’ un rito propiziatorio per tornare alla Luce. Lo realizzeremo a mezzo dell’estasi tecnologica garantita dalla rete, questo pneuma che corre tra gli schermi a cui stiamo delegando la vita, con l’auspicio di ritrovarci presto e anche con la determinazione di non spegnere il fuoco domestico, ma anzi custodirlo. Il fuoco da sempre è amico del racconto, anche ai tempi del coprifocolare. Dal 25 dicembre al 6 Gennaio lo custodiremo con un concerto che, come nel celebre canto di Dickens, renderà visibili gli spettri delle Feste passate, di quella presente, e magari anche un po’ quello dei Natali futuri.".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.