Se il ritorno del live passa dai vaccini...

...Cosa potrebbe fare il settore del live per somministrarli (non appena saranno disponibili)?
Se il ritorno del live passa dai vaccini...

Che relazione positiva è possibile creare tra concerti e festival da un lato e processi di vaccinazione contro il covid dall'altro? Qualche esempio comincia ad affiorare in Europa, in seguito alle positive notizie sull'efficacia dei vaccini di Pfizer e di Moderna e all'inizio imminente della somministrazione dei vaccini stessi - nel Regno Unito da questa settimana, in Europa e Stati Uniti a partire dalla fine di dicembre.

In Belgio è attiva la FFMWB (Fédération des Festivals de Musique Wallonie-Bruxelles), un'associazione formatasi di recente in Vallonia e che conta 11 membri, tra cui Brussels Summer Festival, Les Francofolies de Spa, Les Nuits Botanique. In uno dei territori del Vecchio Continente che maggiormente ha accusato la profondità e la pericolosità del tasso di contagio, questa associazione di organizzatori di festival ha comunicato di avere messo a disposizione dello stato i servizi ed i luoghi dei suoi membri per contribuire a raggiungere l'obiettivo di vaccinare 8 milioni di individui, pari al 70% della popolazione belga.

In una dichiarazione ufficiale Damien Dufrasne, presidente della FFMWB e responsabile del festival di Dour, ha affermato:  

“Il nostro settore è restato in stallo per diversi mesi e i componenti dei nostri staff sono impazienti di condividere la loro creatività e la loro dedizione per combattere il coronavirus” .

La conversione temporanea di luoghi dedicati agli eventi in centri di vaccinazione - stadi in primis, essendo dotati di strutture che, pur all'aperto, consentono di organizzare afflussi con distanziamento - è un fenomeno che ovviamente riguarda anche lo sport e che ha il potenziale per propagarsi con una certa rapidità.

La tedesca Merkur Spiel-Arena, lo stadio del Fortuna Dusseldorf che accoglie fino a 66.500 spettatori e che è gestito dalla D.Live, ha anch'essa annunciato la disponibilità a ospitare le vaccinazioni contro il covid, che potrebbero essere praticate ad un ritmo minimo di 2.400 al giorno.

Nel frattempo anche nel Regno Unito un contributo di natura complementare è in arrivo dal mondo del calcio: qui lo STIG (Sports Technology and Innovation Group), introdotto in settembre dal governo britannico per identificare soluzioni tecnologiche per il ritorno sicuro dei tifosi negli stadi, ha stilato delle linee-guida che coprono l'intero percorso dall'acquisto del biglietto alla comunicazione post-evento, incluso un processo in 10 fasi che contempla anche la valutazione dello stato di rischio del fan, dalla dichiarazione e auto-certificazione del suo stato di salute ai mezzi di trasporto che prevede di utilizzare per recarsi nel luogo dell'evento.

Ci aspettiamo che qualcosa di simile - ma anche di diverso, purchè utile - possa accadere presto anche in Italia, in qualsiasi modo, magari senza attendere iniziative e delibere del MIBACT.

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.