USA, l’industria musicale fa squadra per chiedere aiuti al settore del live

Discografici, editori e collecting invocano il supporto del Congresso: ‘A rischio una generazione’
USA, l’industria musicale fa squadra per chiedere aiuti al settore del live

La Recording Academy (l’associazione che raggruppa i professionisti dell’industria musicale americana), le collecting BMI, SoundExchange e SESAC e almeno altre diciassette tra associazioni di categoria e rappresentanze statunitensi operanti nell'ambito musicale hanno indirizzato una lettera al Congresso USA per chiedere aiuti al settore della musica dal vivo, gravemente compromesso dalla pandemia da Covid-19, che oltreoceano - come in tutti gli altri paesi occidentali - dalla scorsa primavera ha imposto uno stop agli eventi live.

“Non si può negare che il Covid abbia veramente messo alla prova il paese e abbia avuto un effetto devastante sull'industria musicale americana”, si legge nell’appello: “Il business della musica dal vivo - un tempo segno di una fiorente comunità e di attrazione per i nostri centri culturali e commerciali - è diventato tragicamente silenzioso. La comunità musicale rimane grata per gli sforzi di soccorso bipartisan del Congresso all'inizio di quest'anno, ma bisogna fare di più, e farlo in fretta, per evitare una perdita che potrebbe devastare artisti, musicisti, tecnici, produttori, venue e l'intera industria musicale per una generazione”.

Il settore richiede che vengano rinnovate ed estese le indennità di disoccupazione federale, l'assistenza alla disoccupazione e l'indennità di disoccupazione d’emergenza, oltre che all’approvazione della legge Restart, la maggiorazione dei crediti d’imposta e un trattamento fiscale agevolato.

Oltre a gettare il crisi quello che negli ultimi anni si è rivelato il comparto più fiorente e redditizio, l’emergenza sanitaria da Sars-Cov-2 - fermando i live - ha inciso a cascata su tutti gli altri ambiti ad esso legato, come quello delle edizioni, che nel 2021 - quando saranno emesse le ripartizioni relative al 2020 - si troverà ad affrontare il crollo di entrate da musica dal vivo e musica di sottofondo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.