Sfera Ebbasta, la polemica per la piazza a Cinisello. Il sindaco: ‘Solo marketing’. Ma...

Il primo cittadino dopo le critiche precisa: ‘Non è un encomio civico’. Ma due giorni fa parlava di ‘simbolo di riconoscimento’. E intanto sotto la targa a farsi i selfie ci vanno i boomer…
Sfera Ebbasta, la polemica per la piazza a Cinisello. Il sindaco: ‘Solo marketing’. Ma...

Sta assumendo contorni quasi surreali l’operazione di marketing con la quale Spotify e lo staff di Sfera Ebbasta hanno lanciato il nuovo album del rapper lombardo, “Famoso” (leggi qui la recensione), disponibile sul mercato dallo scorso 20 novembre. Per chi si fosse perso le puntate precedenti: alla vigilia dell’uscita, giovedì 19 novembre, Gionata Boschetti - questo il nome all’anagrafe del cantante - ha fatto ritorno nella sua città d’origine, Cinisello Balsamo, dove, alla presenza del sindaco Giacomo Ghilardi - gli è stata intitolata una piazza (in realtà, uno spazio comprendente una porzione di via Frova, nelle adiacenze della sede del Comune) con tanto di incontro ufficiale con l'autorità cittadina.

Prima ancora delle proteste del padre di Emma Fabini, una delle giovani vittime della tragedia di Corinaldo, che aveva definito “inopportuna” l’investitura istituzionale data all’operazione, Ghilardi era già stato costretto a fare chiarezza sui termini della vicenda, incalzato dai suoi follower sui social.

Se in un primo momento il primo cittadino aveva definito la targa “un riconoscimento e un premio”, già nella serata di giovedì Ghilardi aveva tenuto a precisare:

“Trattasi di una targa temporanea e non di una dedica permanente (...) Stiamo parlando di un nostro concittadino, giovane, che ha raggiunto l'apice delle classifiche internazionali. Io non ho mai giudicato ed espresso giudizi su testi o musica. Riconosco però l'artista, la capacità di coinvolgimento, la caparbietà di arrivare senza dimenticare le sue origini”.

Dopo l’intervento di Fabini Ghilardi ha ulteriormente precisato:

“L’allestimento è temporaneo, come ampiamente detto in ogni nostro comunicato e come anche motivato dalla legge che vieta la dedica ad una via o una piazza ad una persona non deceduta da almeno 10 anni”, ha precisato il sindaco: “Abbiamo in questi anni dedicato parchi gioco e luoghi della città a Don Gnocchi, Maria Cristina Cella, Falcone e Borsellino, il Carabiniere Giacomo Sessa, lo faremo con Carlo Alberto Dalla Chiesa. È su questa linea che è mia ferma intenzione proseguire. (...) Non siamo di fronte a un encomio civico. Peraltro quest’anno, con orgoglio, la nostra prestigiosa onorificenza l'abbiamo attribuita a medici, infermieri e personale ospedaliero. Si tratta di una mera iniziativa di marketing: di promozione del nuovo album per l'artista e di valorizzazione territoriale per Cinisello Balsamo, che abbiamo accolto con piacere quando ci è stata proposta, con l'intento di riconoscere l'affetto per la città d'origine di un personaggio che oggi è famoso nel mondo”.

“È un’iniziativa che ci fa imbestialire”, ha spiegato alla trasmissione televisiva Le Iene Donatella Magagnini, madre di Daniele, una delle vittime della notte maledetta alla Lanterna Azzurra, che ha attaccato senza mezzi termini Ghilardi: “Spero che non si ritrovi mai a vivere il nostro dolore. Anziché questa iniziativa, poteva rimanere a fare Miss Padania di cui va orgoglioso”.

La cronaca locale del Giorno, nel frattempo, offre qualche ragguaglio sulle reazioni della cittadinanza all’operazione: secondo la testata milanese sarebbero “centinaia” le persone avvistate nei pressi delle targhe, per buona parte over 50 desiderosi di spedire selfie a parenti (molto) più giovani bloccati dal divieto di trasferimento tra comuni istituito per arginare il contagio dal Covid-19. Afflusso confermato dal sindaco di Cinisello, che commentando la nuova “attrazione” ha spiegato: “Tra qualche settimana, così come è stata collocata, la targa verrà riposta nel cassetto, per la contentezza di una parte e per il dispiacere di molti, anche commercianti, che mi hanno addirittura chiesto di lasciarla”.

In concomitanza con la pubblicazione del nuovo album “Famoso”, Sfera Ebbasta ha comunicato gli appuntamenti dal vivo in supporto alla quarta prova in studio sulla lunga distanza: oltre alle due date già annunciate del 13 e 14 settembre 2021 al Forum di Assago, a Milano, Boschetti sarà di scena l’11 settembre all’RDS Stadium di Rimini, il 20 settembre alla Unipol Arena di Bologna, il 21 al PalaAlpitour di Torino, il 24 al Mandela Forum, il 28 al Palazzetto dello Sport di Roma e il 2 ottobre al Palasele di Eboli. I biglietti per gli eventi saranno disponibili a partire da domani, lunedì 23 novembre, sulla piattaforma TicketOne.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
11 set
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.