La "rinascita" della Numero Uno: incontro con Mogol, Mara Maionchi... e la voce di Lucio Battisti

La Sony annuncia un nuovo inizio per la gloriosa etichetta
La "rinascita" della Numero Uno: incontro con Mogol, Mara Maionchi... e la voce di Lucio Battisti

Si è tenuto oggi un incontro di presentazione della "nuova" Numero Uno, l'etichetta indipendente che ha fatto un pezzo di storia della musica italiana. Oltre agli interventi dei partecipanti, dei quali qui di seguito riportiamo la sintesi, il momento più significativo (ed emozionante) è stato l'ascolto della voce di di Lucio Battisti, in una registrazione del 1976 nella quale motiva la sua scelta di rifiutare le interviste con i giornali.
 
Stefano Patara, che si occupa in Sony Music dei progetti Legacy: "Riaprire una etichetta come la Numero 1 significa confrontarsi con una realtà irripetibile, ne siamo consapevoli. Gli scenari sono completamente mutati. Tuttavia crediamo che un'etichetta che vuole dare spazio alle voci indipendenti possa avere spazio anche oggi, possa essere un luogo dove le proposte possano essere valutate per quello che valgono e non per quello che possono rendere economicamente".


Sara Potente, che si occupa dell'A&R dell'etichetta: "Vogliamo puntare sulle voci e sulle canzoni, nel rispetto della storia di creatività e di entusiasmo della Numero 1. Iosonouncane, Colapesce e Dimartino - dei quali abbiamo già pubblicato un brano - e La Rappresentante di Lista sono i primi nomi della nuova Numero 1. Gli altri artisti firmati sono Fadi, Gianluca De Rubertis, Camilla Magli e Marco Castello".


Massimo Bonelli di iCompany: "Le persone con cui sto lavorando a questo progetto mi sono affini, e lavoriamo insieme con molto entusiasmo. La possibilità di godere della 'potenza di fuoco' di una major come Sony rafforza le opportunità della Numero 1".


Mogol, che della Numero 1 fu cofondatore: "La Numero 1 è nata da una mia reazione a una frase che mi fu rivolta. Non era un progetto pianificato, ma un'azione d'istinto. Abbiamo avuto la fortuna di avere collaboratori entusiasti e competenti, come Mara Maionchi, che si occupava della promozione. Oggi il lavoro della promozione è cambiato enormemente, non ci sono più i maestri programmatori della RAI, che erano i nostri primi interlocutori e anche quelli che decidevano il successo di una canzone. Voglio ricordare Franco Daldello, Sandro Colombini... Lucio Battisti ancora non c'era, con noi. Eravamo mossi dall'entusiasmo e dal divertimento. Fummo anche fortunati, perché 'Questo folle sentimento', il nostro primo disco, andò in classifica, grazie al fatto che Mara riuscì a convincere Vittorio Salvetti a sceglierlo come sigla del Festivalbar".


Si è poi fatta ascoltare una parte di un'intervista inedita di Max Onorari a Lucio Battisti.
 
Lucio Battisti:

"Le interviste non le faccio quasi mai, soprattutto coi giornali, perché nei giornali esiste una manipolazione smaccata e insopportabile. Dopo che mi è successo tante volte, ho capito che dovevo evitarle. Succede che sono cinque anni che non faccio interviste nel senso classico della parola, perché tanto scrivono sempre le stesse cose. Non ne faccio più così risparmio tempo, e non risulto connivente con quello che viene pubblicato. Se non c'è un discorso di reciproca lealtà io non mi presto. Con la radio è diverso. La manipolazione è meno facile. C'è una maggiore verità. Nessun può cambiarmi le parole in bocca o inventarsi cose non vere. Si sa che i giornali non hanno mai creato un artista, semmai sono andati a rimorchio, e non l'hanno mai distrutto, semmai ne hanno registrato la fine. O ti adatti per convenienza, per avere una copertina di giornale, e così diventi connivente, oppure meglio evitare". 

 

Mara Maionchi:

"Lucio faceva a modo suo, e andava bene così. Gli altri artisti li lavoravamo normalmente. Io ho sempre cercato di aiutare più gli altri, che avevano più bisogno di promozione - Lucio non ne aveva bisogno. Lucio aveva fatto una scelta di vita, che abbiamo rispettato. Sono molto riconoscente a Mogol che mi ha permesso di vivere un'esperienza fantastica, che mi è servita molto più avanti, nel prosieguo del mio lavoro. La nostra è stata una stagione fantastica: auguro alla nuova Numero 1 di poterla replicare almeno in parte - anche se il successo della Numero 1 di quell'epoca è irripetibile". 


Il 18 novembre uscirà su etichetta Numero 1 il singolo "Novembre" di Iosonouncane. Il primo gruppo di ristampe dei dischi della Numero 1, in uscita l'11 dicembre, comprende l'antologia "Collezione Numero Uno" (nella foto di questo articolo), il singolo "Questo folle sentimento" / "Avevo una bambola" della Formula 3, il primo album dei Flora, Fauna e Cemento "Rock", un album di Lucio Battisti ("La batteria, il contrabbasso eccetera") e un singolo sempre di Battisti, "La canzone del sole / Anche per te".

Collezione Numero 1 - Tracklist:

Formula 3, Io ritorno solo    
Edoardo Bennato, 1941    
La Verde Stagione, Milioni di domande (Questions)    
Annamaria Rame, Un brivido    
Bruno Lauzi, Mary oh Mary    
Flora Fauna Cemento, Superstar    
Bruno Lauzi, ...E penso a te    
Jumbo, In the summertime    
Computers, Bella    
Formula 3, Nanananò

Dall'archivio di Rockol - Lucio Battisti: 6 pillole di saggezza
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.