IFPI: l'industria musicale UE vale 82 miliardi di euro

Il dato in una ricerca condotta con Oxford Economics: nel Vecchio Continente il comparto occupa 2 milioni di persone
IFPI: l'industria musicale UE vale 82 miliardi di euro

Nella corsa per ottenere aiuti istituzionali, il settore musicale - prima d'ora - non aveva ancora una valutazione oggettiva da presentare a governi e commissioni per quantificare numericamente i danni causati dalla pandemia da Covid-19. Il vuoto è stato colmato nella mattina di oggi, martedì 17 novembre, da IFPI, l'associazione di categoria che rappresenta l'industria discografica a livello internazionale.

In un rapporto diffuso nelle ultime ore si citano i risultati di un'indagine condotta in collaborazione con Oxford Economics, autorevole società di ricerche di mercato britannica: secondo i dati elaborati nel corso dello studio il valore complessivo dell'industria musicale nei 27 stati membri della comunità europea - con l'aggiunta del Regno Unito - sarebbe da stimare in 81,9 miliardi di euro, per un bacino di occupati pari a due milioni di unità e un valore delle esportazioni parti a 9,7 miliardi di euro, di circa il 13% superiore a quello del settore vinicolo.

Secondo la ricerca, in Italia operano circa 210 realtà discografiche censite, quasi il doppio di quelle registrate in Grecia ma meno delle metà di quelle operative in Spagna, meno di un terzo di quelle attive in Germania e Francia, e meno di un ottavo di quelle presenti sul mercato britannico.
 

Dall'archivio di Rockol - I dieci migliori album del 1987
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.