SIAE: 'Ecco cosa ha perso l'Italia a causa della pandemia'

La Società Autori ed Editori pubblica l'annuario 2019 e mette a confronto il primo semestre dello scorso anno con quello del 2020: 'Il settore sta attraversando un dramma'. Ma i dati pre-Covid danno fiducia, perché...
SIAE: 'Ecco cosa ha perso l'Italia a causa della pandemia'

SIAE ha pubblicato oggi, lunedì 16 novembre, l'Annuario dello spettacolo relativo ai dati registrati nel 2019: l'ufficio statistico della Società Italiana Autori ed Editori è stato in grado di confrontare i numeri che hanno caratterizzato il periodo compreso tra il gennaio e il giugno dell'anno passato e quelli osservati nello stesso intervallo temporale del 2020. Le profonde differenze tra gli indicatori hanno dato una prima idea dei "costi" causati all'industria creativa dall'emergenza sanitaria da Covid-19, anche alla luce dei buoni risultati conseguiti un anno fa.

"Raccontare oggi, in pieno ciclone Coronavirus, cosa è stato il 2019 per il mondo dello spettacolo e dell’intrattenimento ha un po' il sapore amaro delle cose perdute", ha fatto sapere, in una nota, il Presidente SIAE Giulio Rapetti Mogol: "Un anno che ha visto tutti gli indicatori generali in terreno positivo rispetto al 2018. Purtroppo tutti stiamo vivendo da mesi in un clima di angoscia e preoccupazione, e il settore dello spettacolo, che ha subito ingenti perdite e gravissime ricadute sui livelli occupazionali, è stato tra i primi a chiudere. Basti pensare che nel primo semestre 2020 gli ingressi si sono ridotti complessivamente di due terzi e la spesa del pubblico di tre quarti rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Tuttavia, volgendo lo sguardo al periodo pre-Covid, i dati ci confortano e ci danno fiducia: testimoniano, infatti, in maniera significativa, come il pubblico ritenga parte integrante della propria cultura e delle proprie capacità emozionali la partecipazione agli eventi di spettacolo. Partendo da questo importante presupposto dovremo, perciò, proseguire nel nostro impegno, anche inventando nuove forme di partecipazione".

"Tutti i dati, frutto del quotidiano, certosino e censuario lavoro della rete SIAE, ben danno il senso del dramma che, a causa dell’emergenza sanitaria, sta attraversando il settore dello spettacolo e dell’intrattenimento in Italia in tutte le sue componenti, dagli autori agli editori, dagli artisti alle maestranze, dai promoter agli organizzatori", ha fatto eco a Mogol il Direttore Generale SIAE Gaetano Blandini: "Studiarne gli effetti ed i prevedibili tempi di recupero è quello che SIAE ha cominciato a fare per dare il proprio contributo in termini di idee e di proposte".

A livello macro, nel 2019 tutti gli indicatori dell’attività di spettacolo sono stati in terreno positivo rispetto al 2018: aumentati gli eventi proposti (+ 1,10%), oltre 246 milioni di biglietti o abbonamenti acquistati dagli spettatori (+ 5,82%) con una spesa al botteghino che ha sfiorato i 2,8 miliardi di euro (+5,49%). Quest’ultimo dato si avvicina ai 5 miliardi di euro (+ 2,91%) se si aggiungono i servizi accessori offerti agli spettatori dagli organizzatori in connessione o durante gli eventi. La crescita dell'offerta di spettacoli (+47.420, pari ad una crescita del +1,10%) e di spettatori (con un aumento di 13.553.122 biglietti e abbonamenti, pari a +5,82%) ha permesso di registrare la seconda miglior performance degli ultimi cinque anni con 246.383.395 ingressi totali.

La deflagrazione dell'emergenza sanitaria a partire dallo scorso mese di marzo ha ovviamente interrotto il trend posivito, come evidenzia il confronto dei dati tra il primo semestre del 2019 e quello del 2020:

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/c4EQonCxL9u9c-E4USe0Rw2h99w=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/datisiae20192020bis.jpg

Riguardo al settore musicale, l'attività concertistica ha visto calare il numero di eventi di 14.353 unità, pari al 72,57%, con oltre sei milioni di ingressi in meno, con un calo di oltre l'80% su base annua. La spesa al botteghino ha conosciuto una contrazione dell'86,48%, con una perdita di oltre 188 milioni di euro, con un calo di spesa del pubblico di oltre 218 milioni di euro (-86,72%).

Il medesimo scenario è stato fotografato nell'ambito dell'attività delle sale da balle e dei "concertini" (termine utilizzato per indicare gli eventi dal vivo minori ospitati da locali come discoteche, pub, ristoranti e bar): con una contrazione del 71,38% (pari a 230mila spettacoli in meno rispetto al 2019) per un calo negli ingressi quantificabile in quasi otto milioni di unità (-68,68%), il comparto ha visto calare la spesa al botteghino di quasi 75 milioni di euro (-68,29%) per un calo della spese del pubblico del 73,89%, pari a una perdita di poco meno di 338 milioni di euro.

Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Stefano Lionetti (TicketOne)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.