Beatles, i dischi di Natale per il fan club: 1965. Ascolta

Inviati solo agli iscritti, sono oggi oggetti per collezionisti
Beatles, i dischi di Natale per il fan club: 1965. Ascolta

Se nel 1963 era stata una sorpresa, se l’anno seguente era stata una conferma, ora del 1965 la distribuzione agli iscritti al fan club di un disco natalizio era già diventata una tradizione.

E infatti, quando la sera di lunedì 8 novembre del 1965 i Beatles entrarono nello Studio Due di Abbey Road – secondo altre fonti la data è da collocare invece al 19 ottobre, e il luogo nella saletta di registrazione di proprietà dell’editore musicale dei Beatles, Dick James - George Martin, sempre previdente, fece in modo di registrare esaustivamente tutte le take di "Think For Yourself" suonate dal gruppo, sperando di poter ricavare, dai dialoghi, dai commenti e dalle battute dei quattro, materiale utilizzabile per il "Christmas Record". In effetti, però, non ottenne i risultati sperati: anche se un frammento di sei secondi proveniente da quelle registrazioni riemergerà, tre anni più tardi, nella colonna sonora del film "Yellow Submarine" (nella scena in cui i Beatles risvegliano il sindaco “pietrificato” di Pepperland).


Nel 2004 è affiorato in rete un altro frammento di registrazioni. In esso i Beatles dicono sciocchezze sparse, leggono articoli di giornale, parlano in tedesco maccheronico e giocherellano con effetti sonori. C’è un passaggio in cui, su un sottofondo di pianti infantili, scherzano a proposito di bambini fatti a pezzi (una premonizione della “Butcher cover”?). A un certo punto Lennon recita una delle sue storielle nonsense:
“…pretty soon Henry was to find that his wife had been made oblivion to the former butler of the village.

She, of course, left unhearted of. The next thing we knew was Harry was down with the flu. Well, we knew he hadn’t been out, so where had he caught it? Obviously off her! And she was carrying it around like a bad thing. Over to the studio…”.
In questa registrazione mai ufficialmente pubblicata è contenuto un solo brano musicale, ed è "We Wish You A Very Merry Christmas" cantata sulla melodia di "Dixie".
L’autenticità di questo documento è tuttavia dubbia; si tratterebbe di una registrazione effettuata nei Marquee Studios, e una parte dei dialoghi in essa contenuti fu pubblicata all’epoca su un numero del “Beatles Monthly” – il che ha fatto pensare che si tratti di una ricostruzione ex post architettata per creare un pezzo pregiato per i collezionisti (il nastrino fu messo all’asta con una base di partenza di mille dollari).
C’è però una outtake di 26 minuti, venduta all’asta nel 2006, e probabilmente autentica, in cui sono compresi sei minuti in cui i Beatles cantano brani tradizionali: "Christmas Is Coming", "The Goose Is Getting Fat", "Silent Before Night", "The Holly And The Mustard", "Jingle Bells" e "The Twelve Days Of Christmas", quest’ultima cantata da Ringo.


Nella versione ufficiale del "Christmas Record" del 1965, in ogni modo, sono inclusi contributi vocali e musicali forniti dai Beatles fra mezzanotte e le tre del mattino di quella giornata: i ragazzi erano stanchi, e lo si capisce dalla scarsa brillantezza del risultato finale (compresa la rielaborazione di "Yesterday": “Oh I believe in Christmas day…”). 
Come di consueto toccò a George Martin e Norman Smith il compito di rimettere insieme i frammenti utilizzabili e mixarli, per poi fornire poco più di sei minuti di registrazione alla Lyntone, che produsse – con il numero di serie LYN 948 - un numero non precisato di copie del flexi disc; probabilmente meno del solito, giacché la versione originale del dischetto, completa di copertina e allegati, è la più quotata sul mercato del collezionismo. I fan statunitensi ricevettero quel Natale soltanto una cartolina d’auguri in bianco e nero: sembra che i nastri fossero arrivati negli USA troppo tardi per poterne ricavare dei flexi disc.


Nel testo delle note sul retro di copertina, Tony Barrow scrive in maniera entusiastica dell’album "Rubber soul", torna sul tema dell’esclusività dei "Christmas Records", spiega che la foto della copertina è stata scattata durante la registrazione, a Manchester, dello speciale televisivo per Granada "The Music Of Lennon And McCartney", e ringrazia le ragazze che gestiscono il fan club.


Franco Zanetti


Il testo di questo articolo è tratto, per gentile concessione dell'editore e dell'autore, da "Il Natale dei Beatles", di Renzo Stefanel e Franco Zanetti, pubblicato da Giunti nel 2016.


https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/EVQEHnGuZsjb8cfw_NwOeHHJypA=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/natale-dei-beatles.jpg
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.